Prendi il cornetto vegano pensando sia salutare? Ecco cosa contiene davvero

Sempre più spesso le persone al bar richiedono un cornetto vegano pensando sia salutare per la loro salute ma non c’è cosa peggiore. Vediamo la lista degli ingredienti, da non crederci!

Cornetto vegano fa male? Dettagli
Cornetto vegano (Foto di Ildik AdobeStock)

LE RICETTE PIU’ LETTE DI OGGI:

Secondo uno studio condotto dall’Osservatorio Doxa/Unionfood su 1000 persone intervistate nel 2021, pare che ben 9 italiani su 10 (il 96%) preferiscano la colazione dolce rispetto quella salata.

Di questi più della metà è solito consumarla con cornetto e cappuccino/caffè. Fin qui nulla di male (purché non sia la quotidianità!), il dilemma arriva se però al bar si acquistano unicamente cornetti vegani.

Questi sono nati per venire incontro alla esigenze delle persone che non vogliono consumare cibi di derivazione animale ma anche quelli che soffrono di intolleranza al lattosio.

Però state attenti, addentare queste golosità se non avete realmente problematiche di salute serie non è sempre la scelta vincente in termini di salute. Come mai? Ve lo sveliamo subito!

Cornetto vegano, ecco la lista ingredienti. Fate attenzione!

Se andiamo a leggere gli ingredienti scritti in etichetta di un cornetto vegano industriale ci accorgeremo che sono ben 35, ed il secondo è la margarina vegetale (mentre il primo è la farina di frumento).

curare fegato tavola alimenti
Fegato infiammato (Foto Mi_Viri AdobeStock)

Dovete sapete che questa non esiste in natura ma è piuttosto un grasso trans prodotto chimicamente in laboratorio. Questo grasso costa pochissimo all’industria alimentare ma davvero molto invece a noi in termini si salute.

Inoltre, durante la cottura ad alte temperature, gli acidi grassi trans possono reagire con i carboidrati o le proteine, formando l’acroleina, ovvero una sostanza tossiche per il fegato.

Fondazione Umberto Veronesi spiega che questo grasso è dannoso per cuore e arterie, in particolar modo alla salute cardiocircolatoria aumentando in modo sensibile il picco glicemico dovuto alla presenza di zuccheri raffinati (come quello bianco semolato o quello di canna non grezzo).

Ma cosa non deve mai mancare durante una colazione salutare durante la primavera e l’estate? Secondo l’Unione Italiana Food via libera alla colazione salata a base di pane tostato, salmone affumicato e avocado, uova strapazzate e fesa di tacchino.

Ma se preferite il dolce allora sono ottimi dei carboidrati complessi e zuccheri semplici. Ad esempio possono essere consumati pane tostato o fette biscottate integrali con marmellata, confettura, miele o con crema spalmabile proteica a zero grassi aggiunti.

migliorare salute 1 minuto prendersi cura
Colazione sana a base di porridge e frutta (Foto di THE 5TH da Pixabay)

Vanno bene anche dolci e biscotti fatti in casa, latte intero o bevande vegetali di soia, cocco o riso, oppure yogurt magro da accompagnare a cereali integrali, muesli, frutta fresca o secca.

Evitare cereali troppo zuccherati, yogurt con la frutta che aumenta i grassi complessivi e zuccheri complessi in generali che fanno malissimo al colesterolo e aumentano in modo esponenziale il picco glicemico.