Coronavirus, Chiara Maci racconta la sua quarantena: “Ho avuto un momento…

Coronavirus, Chiara Maci racconta la sua quarantena: “Ho avuto un momento di down”

LA PREPARAZIONE
di Marco

Emergenza Coronavirus, Chiara Maci in quarantena racconta di aver avuto un momento di down quando si è resa conto della gravità della cosa

Chiara Maci Coronavirus
Coronavirus, Chiara Maci racconta il suo momento di crisi

Chiara Maci è una delle food blogger più amate in Italia. Ma è anche una cuoca e conduttrice televisiva. Molto amata dal pubblico italiano, soprattutto su Instagram,  si può dire stia attraversando un momento di successo strepitoso per il suo lavoro. Ultimamente, però, anche lei ha vissuto qualche momento negativo a causa dell’emergenza Coronavirus. E’ mamma di Bianca ed Andrea, due bambini molto piccoli che da un momento all’altro, un po’ come tutti, si sono visti privati della propria quotidianità. Non si può uscire di casa, quindi, Chiara ha cominciato ad inventarsi dei giochi: “Abbiamo dipinto un telo gigante con la scritta “andrà tutto bene” e lo abbia appeso fuori dalla finestra. Ci ha impiegato una giornata intera. Cerchiamo di cucinare, di fare le dirette, di far passare le giornate nel modo più tranquillo possibile”, spiega in una lunga intervista concessa a Fanpage.it.

Chiara Maci racconta la sua quarantena per l’emergenza Coronavirus

E’ una persona molto positiva, lo racconta lei stessa nell’intervista, ma non è mancato un momento difficile a causa dell’emergenza Coronavirus: “Io ho avuto un momento di down, sono una persona molto positiva, sempre allegra, solare. Quando, però, mi sono resa conto i primi giorni della gravità della cosa, quando tanti banalizzavano e anche io per prima l’ho fatto, ho avuto un momento di crisi”.

Poi, però, l’importante è avere accanto le persone giuste. Quelle che con una sola parola possono cambiarti la giornata e farti tornare la serenità di cui hai bisogno. Così è successo anche a Chiara: “Filippo mi è stato vicino quel giorno, nel quale era come se vedessi tutto nero. Ho pensato a tutto, alla salute, all’economia, al Paese, al mio lavoro, al fatto che ho investito tutto quello che avevo in una casa dove ci saremmo dovuti trasferire la prossima settimana e non sarà così. Poi mi sono fermata, mi ha fatto ragionare anche Filippo. Abbiamo la salute, i figli con noi. Con i miei genitori ci videochiamiamo tre volte al giorno, sono a Bologna e stanno benissimo. I miei fratelli sono in altre città e stanno bene anche loro”.

 

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post