Cosa cucinare a Ferragosto? La pietanza da portare in zaino

Cosa cucinare a Ferragosto? La pietanza da portare in zaino

LA PREPARAZIONE
di Marco

Cosa si può cucinare per Ferragosto? La pietanza che si può portare in zaino, dal sapore irresistibile a cui nessuno saprà dire di no

cucinare ferragosto
Cosa cucinare a Ferragosto?

Cosa preparare per pranzo a Ferragosto? E’ il giorno più caldo dell’anno, secondo alcune credenze. Altre, invece, dicono che la punta massima del calore si tocchi il 10 agosto, nel giorno di San Lorenzo. Comunque sia, è il giorno dei gavettoni. Giorno in cui ognuno vuole stare in spiaggia, o magari al lago, e perché no in montagna. Insomma, nessuno vuole stare a casa a Ferragosto. E’ per questo che bisogna munirsi di qualcosa di saporito e da ‘asporto’ per il pranzo. Sarà pure il giorno più caldo dell’estate, ma la fame, quella, non va via da sola. Così, in questo articolo vi vogliamo consigliare un piatto a cui proprio nessuno riuscirebbe a dire di no e che può essere portato appresso, ovunque si voglia, per un pasto veloce ma allo stesso tempo saporito.

Cosa preparare per Ferragosto? Una pietanza squisita da portare in zaino

Vi vogliamo parlare degli involtini di pomodorini secchi. Saranno qualcosa di eccezionale a cui difficilmente si può resistere. Inoltre, una volta preparati (magari anche il giorno prima) si possono riporre in un recipiente per poi essere messi in zaino e portati ovunque si voglia.

INGREDIENTI: 

  • Pomodori secchi (o sott’olio)
  • 160 g Tonno sott’olio
  • 7-8 filetti Acciughe (alici)
  • 2 cucchiai Capperi
  • q.b. Olio extravergine d’oliva
  • Peperoncini piccanti
  • 1 spicchio Aglio
  • 1 ciuffo Prezzemolo

Innanzitutto, specifichiamo che per questa ricetta vanno bene sia i pomodorini secchi che quelli sott’olio. Con l’aiuto di un tagliere, tritate i capperi, i filetti di acciughe sott’olio, lo spicchio d’aglio, 2 peperoncini piccanti e un ciuffo di prezzemolo. A questo punto, prendete una ciotola, metteteci dentro tutto ciò che avete tritato e poi aggiungeteci il tonno sgocciolato. Prendete adesso i pomodorini secchi, una volta tolto tutto l’olio di conservazione, metteteli sul tavolo. Su ognuno ci metterete un po’ del vostro composto. Li avvolgerete con cura e li ‘aggancerete’ con uno stuzzicadenti in modo che non si aprano.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post