Cosa mangiare in spiaggia: consigli utili per bambini e adulti

Cosa mangiare in spiaggia: consigli utili per bambini e adulti

E’ tempo di vacanze al mare, giornate in spiaggia sotto l’ombrellone e tanti interrogativi su cosa mangiare. Ecco alcuni consigli utili su cosa mangiare in spiaggia.

La prima regola fondamentale è bere tanta acqua, ma non ghiacciata. Soprattutto se avete con voi dei bambini portate tanta acqua e se proprio volete essere precisi aggiungete i succo di un limone, così da fare un pieno di sali minerali che andranno via con la sudorazione. Evitate bevande zuccherate a base di cola, aranciata o bibite frizzanti che possono provocare disidratazione, pericolosa per chi vuole trascorrere la giornata sotto il sole. Evitate il tè confezionato troppo ricco di zucchero e quindi di calorie. Meglio se lo preparate voi con poco zucchero e l’aggiunta di succo di limone, ancora meglio se si tratta di tè verde che non necessita di essere zuccherato ed è ricco di antiossidanti utili contro i radicali liberi.

Mangiate frutta e verdura fresca di stagione, visto che la stagione estiva offre un’ampia varietà di scelta: pere, fichi, pesche, uva, meloni, anguria, albicocche. A pranzo evitate cibi troppo calorici, come pasta al forno, frittate, timballi, ecc. in quanto rallentano la digestione. Il classico piatto da spiaggia è il panino da farcire con verdure o pomodori o insalata, una fetta di arrosto di tacchino o prosciutto o mozzarella. Ottima anche un’insalata di riso non troppo condita.

Non è comodo portare da casa verdure cotte o insalate, ma potete optare per dei cetrioli, da sbucciare sul momento, o finocchi. Sono ricchi di acqua e di potassio e hanno pochissime calorie. Da evitare anche la carne panata fritta come può essere quella confezionata, ma anche quella fatta in casa, poiché troppo ricca di grassi. Anche le frittate sono sconsigliate in spiaggia perchè caloriche e richiedono tempo per essere digerite. Infine la scelta di un gelato artigianale può sempre mettere d’accordo tutti e fare felici anche i bambini.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post