Cosa mangiare per affrontare l’helicobacter

Cosa mangiare per affrontare l’helicobacter

L’helicobacter pylori è un batterio spiraliforme che può vivere solo in ambiente acido protetto da uno strato di muco, quindi può vivere solo nello stomaco. Una volta insediatosi non fa altro che sottoporre la mucosa ai metaboliti tossici da esso prodotti, può rilasciare sostanze che causano danni alle cellule e con il tempo può causare gastrite e ulcera.

HiRes[2]

Non è ancora stato accertato come si diffonda l’helicobacter, ma secondo alcuni studiosi la più probabile via di contagio sarebbe quella orale, così come il contatto con acque o con strumenti endoscopici infetti. Le popolazioni maggiormente colpite sono Cina e Colombia, dove c’è un’alta percentuale di popolazione al di sotto dei 16 anni e in zone dove le condizioni igienico-sanitarie sono più carenti.

Il sintomo più comune è un bruciore o un dolore nella parte superiore dell’addome, l’epigastrio, molto più forte lontano dai pasti e al mattino presto, quando lo stomaco è vuoto. Altri sintomi meno comuni sono l’alitosi, la diarrea, la perdita di appetito, la perdita di peso involontaria e la frequente eruttazione. Tuttavia i sintomi possono manifestarsi anche in qualsiasi momento, con durata che può variare da pochi minuti fino ad alcune ore.

In caso di gastrite o ulcera da helicobacter il primo consiglio è quello di masticare lentamente per agevolare la digestione. Sarebbe proficuo non mangiare in maniera eccessiva, ma evitate di saltare i pasti dato che lo stomaco secerne periodicamente acidi che non possono essere assorbiti in assenza di cibo.

Tra gli alimenti consigliati elenchiamo la frutta, la verdura, il latte parzialmente scremato, le carni bianche e il pesce magro. Da evitare cibi troppo salati o caldi, cibi in scatola, bibite gassate o alcoliche, alimenti fritti, tè e caffè. Prediligere la cottura a vapore o alla griglia facendo attenzione a non bruciacchiare gli alimenti. Si consiglia di condire con olio extravergine di oliva ed evitare cibi troppo conditi.

 

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post