Cosa mangiare per alleviare i reumatismi

Cosa mangiare per alleviare i reumatismi

Le malattie reumatiche o reumatismi sono un problema assai diffuso e rappresentano delle condizioni morbose che causano disturbi a carico dell’apparato locomotore ed in generale dei tessuti di sostegno dell’organismo. Sono malattie tra loro molto diverse con diversi gradi di gravità e possono colpire non solo le articolazioni, le ossa, i tendini, ma anche altri tessuti ed organi.

Trattandosi di malattie molto diverse tra loro, tant’è che se ne possono catalogare un centinaio, non è semplice definire il ruolo della dieta nelle malattie reumatiche. Ciò nonostante, la richiesta di una dieta specifica è una prassi frequente in chi ne è affetto, sebbene non sia scientificamente attestata. Ma molte ricerche hanno evidenziato che le popolazioni che consumano una maggiore quantità di olio d’oliva e di pesce al forno e alla griglia hanno una minore incidenza di artrite reumatoide.

Tra gli  alimenti utili a prevenire e alleviare i sintomi dell’artrite reumatoide ci sono quelli ricchi di omega 3, presenti in molti pesci e nell’olio extravergine di oliva. Sono acidi grassi che hanno un effetto antinfiammatorio e sono capaci di bloccare la produzione di una serie di sostanze che causano l’infiammazione della sinovia. Diversi studi hanno anche dimostrato che l’aumento del consumo di pesce ritarderebbe l’evoluzione della malattia, riducendo anche la richiesta di farmaci. Gli omega 3 sono presenti soprattutto in noci, nocciole, mandorle, cereali, semi di chia, semi di lino, oli vegetali, nelle alghe, nei fagioli, piselli, lenticchie, ceci e soia. La fonte principale è però il pesce, in particolare acciughe, sardine, sgombro, salmone, tonno e pesce spada.

Per ridurre il danno articolare provocato dalla malattia si consiglia di mangiare frutta e verdure in quanto ricche di vitamine A, C ed E e sali minerali come ferro, magnesio, rame e zinco. In molti casi è consigliabile anche un aumento dell’assunzione di calcio con la dieta per la frequente presenza di osteoporosi.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post