Cosa succede al nostro organismo quando mangiamo la buccia dell’uva? Effetto sorprendente

Ad agosto inizia già a riempire le tavole di tutta Italia, quindi oggi vogliamo porvi il quesito che forse in molti si sono chiesti finora: con o senza buccia? La risposta non può che essere solo una. 

Buccia dell'uva effetti benefici organismo
Buccia dell’uva (Foto di jreika AdobeStock)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

L’uva è un tipico frutto estivo-autunnale che fa capolino sulle nostre tavola da agosto fino ad ottobre inoltrato, quando, giunta a piena maturazione, si lascia gustare in tutte le sue varianti.

La possiamo trovare bianca, nera o rosata, ma a prescindere dal colore l’uva ha molte proprietà benefiche per l’organismo, anche se spesso viene consumata poco per via di falsi miti legati alle sue calorie totali.

L’uva è certamente tra i frutti più calorici che troviamo dal fruttivendolo, perché ogni 100 g apportano 60 calorie. Di cui 16 g di carboidrati (15 g sono zuccheri pari al 95% complessivo), e la restante percentuale mancante si divide tra proteine (0,6 g) e grassi totali (0,3 g).

Ha però anche moltissimi micronutrienti essenziali per il benessere intestinale, come la la vitamina C (3,7 mg), il potassio (176 mg), vitamina B, magnesio e ferro.

Ha anche la grande proprietà di bruciare grassi grazie al resveratolo, contenuto nella buccia, riesce a velocizzare il metabolismo dei grassi, inoltre è un antirughe naturale perché grazie alla presenza degli antiossidanti rallenta l’invecchiamento cellulare.

Come dimenticarci infine che ha un forte potere anticancerogeno, si prende cura dell’intestino e previene le malattie cardiovascolari?

Ora però la domanda sorge spontanea: meglio con o senza buccia? Vediamo subito cosa dicono gli esperti.

Uva, meglio con la buccia o senza? La risposta vi sorprenderà

Le persone si dividono in due su questo argomento, chi le sciacqua sotto acqua corrente e le mangia con la buccia, e chi invece la toglie categoricamente per questioni igieniche. Che fare a riguardo?

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

succo di uva proprietà
Grappolo di uva (foto da pexels-cup-of-couple-7657232)

I medici nutrizionisti non hanno dubbi a riguardo. La buccia VA MANTENUTA! Questo è spiegato dal fatto che questa apporta alti livelli di fibre indispensabili per il corretto funzionamento del transito intestinale.

Inoltre appena sotto la buccia (lo strato che di solito viene tolto con il taglio netto della buccia) si condensano alti quantitativi di sali minerali fondamentali per la salute del corpo, come magnesio, potassio, fosforo e calcio, rame e zinco.

La buccia contiene la maggior concentrazione di flavonidi e di resveratrolo, importanti antiossidanti per la cura della pelle e per la prevenzione di macchie, pigmentazione, rughe e brutti inestetismi della pelle.

Da ricordare anche l’azione diuretica, grazie al contenuto di acqua, fibre e potassio, in grado di favorire l’eliminazione dei liquidi attraverso i reni, regolando pertanto la pressione sanguigna soprattutto se si soffre di ipertensione.

Torta all'uva, una ricetta semplice e veloce da preparare
Torta all’uva (Pinterest)

Cosa fare quindi con la buccia dell’uva? Va conservata sempre – anche perchè toglierla diventerebbe molto difficile! L’importante è lavare la frutta in modo accurato, meglio con acqua e bicarbonato per essere certi che ogni microbo o batterio venga tolto prima del consumo.