Incubo Covid, restano su questi alimenti. Attento quando vai al supermercato

Nuove scoperte, frutto di un recente studio, hanno trovato tracce di Covid sul determinati prodotti e alimenti. Nessun allarmismo, ma ecco i risultati dei test effettuati.

tracce Covid alimenti
Tracce Covid su alimenti al supermercato (CheCucino)

Proseguono gli studi e le ricerche sul virus e quanto emerso in materia di Covid da parte di un team di scienziati dell’Università di Southampton con test per la Food Standards Agency (FSA) riguarda i prodotti alimentari che troviamo al supermercato.

Secondo i test effettuati sembra che il virus rimanga più a lungo sugli alimenti che presentano una superficie irregolare.

C’è da precisare innanzitutto che affermano non ci debba essere alcun allarmismo e che il pericolo per i consumatori è estremamente basso.

Si è trattato semplicemente di uno studio che è stato realizzato per la per la Food Standards Agency (FSA) in cui il virus è stato spalmato su imballaggi e prodotti alimentari, siafreschi che confezionati, tra cui frutta, ma anche quindi dolci e bevande in bottiglia.

I risultati della ricerca: quali sono gli alimenti più a rischio

Gli scienziati per lo studio hanno scelto oggetti che solitamente vengono mangisati a crudo, senza cottura o senza bisogno di essere lavati.

tracce Covid alimenti
Studio dei ricercatori (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

  1. Torta magica, diventa sempre più buona. Il segreto è negli ingredienti: ricetta siciliana
  2. Perché frutta e verdura al supermercato sono sempre all’ingresso? Ecco il motivo
  3. Carta forno, può costarti una fortuna. Cosa rischi se la butti nel bidone sbagliato

Hanno comunque precisato che “gli alimenti e gli imballaggi considerati come parte di questo studio sono stati inoculati artificialmente con Sars-Cov-2 e quindi non riflettono i livelli di contaminazione riscontrati su questi alimenti al dettaglio”.

È emerso che nella maggior parte dei prodotti c’è stato un significativo abbassamento dei livelli di virus nelle prime 24 ore dopo la contaminazione, e solo in alcuni casi le tracce sono rimaste per circa una settimana.

Dopo aver valutato tutta una serie di temperature e di livelli di umidità per ricreare le classiche condizioni di conservazione, gli scienziati hanno misurato il tasso di inattivazione del virus e hanno scoperto che ci sono delle  differenze in base al tipo di prodotto.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Sembra infatti che il virus duri più a lungo sui prodotti che hanno superfici irregolari , come ad esempio nel caso della frutta i broccoli e i lamponi rispetto a quelli che hanno la buccia liscia come le mele.

tracce Covid alimenti
Frutta e verdura (Canva)

Sui prodotti da forno invece, è stato riscontrato che il virus va via dopo poche ore, forse perché sono ricoperti da un sottile strato di uova che contengono acido arachidonico e questo potrebbe svolgere la funzione di antivirale.