Crapiata materana, la ricetta antica a base di legumi e cereali

La crapiata materana è un piatto antico risalente al periodo romano, si prepara con legumi e cereali. È un piatto povero ma squisito

Crapiata materana
Crapiata materana-foto instagram @mangiamolalucania

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Dovete provare a fare la crapiata materana che è un piatto antico molto povero ma tanto gustoso. Si prepara con i legumi e i cereali.

Si tratta di una sorta di zuppa che si serve insieme a due bruschette croccanti. Seppure possa sembrare un piatto invernale in realtà non lo è, secondo la tradizione infatti questo piatto si preparava il 1 agosto per celebrare il raccolto.

Ognuno portava quindi un pezzo del proprio raccolto e si univa tutto insieme in un unico piatto per dare vita ad una ricetta gustosa creata con i sapori della terra.

Ingredienti e preparazione della crapiata materana

Vediamo come preparare in poco tempo e facilmente la crapiata materana.

Crapiata
Crapiata-foto instagram @madame_petitti

INGREDIENTI (4 persone)

  • 50 gr Fave secche
  • 50 gr Ceci bianche
  • 50 gr Farro
  • 50 gr Grano
  • 50 gr Lenticchie
  • 50 gr Fagioli
  • 50 gr Cicerchie
  • 100 gr Cipolla
  • 500 gr Patate novelle piccole
  • 100 gr Sedano
  • 50 gr Pomodorini ciliegini
  • Alloro
  • 200 gr Carote
  • 50 gr Pane casereccio
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale
  • Pepe

PREPARAZIONE (2 ore e mezza)

Come prima cosa, mettere in ammollo i legumi e cereali per una notte. Poi scolarli e trasferirli in una casseruola. Aggiungere poi la carota, sedano, cipolla e pomodorini dopo averli tagliati a pezzettini.

Mettere anche le patate e l’alloro e ricoprire di acqua, cuocere per due ore e mezza e mescolare. Aggiungere sale e pepe e mescolare.

Tagliare poi il pane a fette grosse e poi cuocerlo per ottenere le bruschette e perfette e infine servire la zuppa in una ciotola con le bruschette e aggiungere un filo d’olio a crudo.

Crapiata
Crapiata-foto instagram @eatershop

Vedrete che bontà questo piatto tradizionale, semplice e storico. Magari lasciatelo raffreddare leggermente e mangiatelo la sera in questo periodo dal momento che fa tanto caldo.