‘Crazy Pizza’, la nuova catena di Briatore, prezzi pazzi per la Margherita

0
18
pizza, catena di briatore
La Margherita di Briatore fa parlare negativamente di sé

‘Crazy Pizza’, la nuova catena di Briatore sta facendo sfuriare i clienti sul web: prezzi davvero pazzi per una sola Margherita! 

pizza, catena di briatore
Nella nuova catena di ristoranti di Briatore, una sola Margherita costa 25 euro

 

Dopo la Formula Uno ed i successi imprenditoriali, l’ex marito della Gregoraci, attualmente al Grande Fratello Vip ha fatto parlare di sé per la sua catena di ristoranti, ‘Crazy Pizza‘, pazza letteralmente nel gusto e nel prezzo. Con tre svariate sedi a Londra, Monte Carlo e Porto Cervo, anche l’imprenditore ha fatto sfuriare i suoi clienti ed il mondo del web come successe con Cracco. Qual è il motivo?

 

LEGGI ANCHE: L’ultima provocazione di Cracco: la pizza senza una fetta – VIDEO

 

‘Crazy Pizza’, la nuova catena di ristoranti di Briatore: una Margherita a 25 euro

Sembrerebbe che alcuni clienti abbiamo postato foto sui social lamentandosi dei prezzi eccessivi delle pizze, una sola Margherita infatti viene a costare 25 euro nel locale di Porto Cervo, mentre troviamo costi leggermente inferiori nella sede di Londra, con 15.50 euro e Monte Carlo con 15 euro. I prezzi ovviamente tendono a gonfiare a dismisura se si scelgono dal menù delle pizze realizzate con ingredienti molto costosi, come ad esempio il prosciutto Pata Negra che pensate, arriva a costare circa 63 euro al kg. Sembrerebbe inoltre, che i clienti oltre a lamentarsi dei costi eccessivi, abbiamo trovato da dire anche sul gusto dell’impasto, definendolo ‘basso‘, ‘asciutto‘, ‘biscottato‘. Così come Carlo Cracco nel suo bistrot in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano aveva ricevuto aspre critiche per la sua versione della pizza Napoletana ad un prezzo di 16/18 euro, anche Briatore sta subendo le stesse critiche se non addirittura più aspre di quelle dello Chef stellato. Uno dei tanti clienti che ha assaggiato la pizza, ha pubblicato su uno dei suoi profili social commenti molto duri nei confronti delle creazioni del ristorante, scrivendo addirittura ‘Vergognatevi, chiamatela in un modo diverso, ma non pizza!‘. A quanto si evince, Carlo Cracco sta passando la palla al noto imprenditore, che già l’anno precedente aveva perso una stella Michelin dal suo ristorante. Sarebbe forse il caso di lasciar stare concentrandosi su altri tipi di ristorazione? Possiamo sicuramente affermare, come si suol dire a Napoli, città regina della pizza che ‘A pizz’ è una sola e a facimm’ nuje‘.