Crème caramel light

PREPARAZIONE: 20 minuti COTTURA: 60 minuti
Crème caramel light: la preparazione

PRESENTAZIONE

La crème caramel, chiamata anche caramel custard, è un tipo di budino di probabile origine portoghese con uno strato di caramello liquido in superficie, a differenza della crème brûlée, che è un budino con la cima di caramello solido. Gli ingredienti basilari per la realizzazione di questo celebre dessert sono le uova, il latte e lo zucchero. In molti aggiungono la vaniglia, ma noi la sostituiremo con la scorza grattugiata di un limone, per dare un tocco più mediterraneo. Di seguito vogliamo proporvi però non la classica ricetta della creme caramel, ma una versione del dessert meno calorica, utilizzando il latte scremato, il dolcificante ipocalorico, il ridotto numero di uova, il minimo apporto di zucchero caramellato, rendendo così meno minacciosa per la linea questa delicata golosità di fama internazionale.

ThinkstockPhotos-458147527

INGREDIENTI

  • 400 ml di latte scremato
  • 8 bustine di dolcificante
  • 2 uova
  • La scorza grattugiata di un limone
  • Un cucchiaio di zucchero

PROCEDIMENTO

Versate il latte in una casseruola antiaderente insieme con la scorza grattugiata del limone, dopo aver ben lavato l’agrume.

Fate bollire il latte a fuoco basso fino a ridurne un poco il volume, poi spegnete il fornello, aggiungete il dolcificante e lasciate intiepidire.

Suddividete lo zucchero sul fondo di 4 stampini da budino, spruzzatelo con poche gocce di acqua e fatelo caramellare ponendo gli stampini a fuoco basso sopra una retina.

Badate che il fondo risulti coperto in modo omogeneo, quindi mischiate rapidamente le uova sbattute al latte intiepidito e dolcificato e poi travasate il composto negli stampini.

Fate cuocere la crème caramel in queste ultime a bagnomaria in forno preriscaldato a 200° per un’ora.

A cottura ultimata, estraete gli stampini e lasciate raffreddare il loro contenuto.

Potrete quindi conservarle per alcune ore in frigorifero, sformando il crème caramel su singoli piattini.

Buon appetito a tutti!

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post