Creme solari fai da te: il livello di protezione è insufficiente

Creme solari fai da te: il livello di protezione è insufficiente

di Ivana Tramontano

Le creme solari fai da te stanno diventando sempre più comuni, ma avvertono gli scienziati che la protezione potrebbe essere quasi nulla.

La crema solare fatta in casa può provocare il rischio ustioni. Uno studio ha rilevato che il 68% delle creme solari fai-da-te trovate su Pinterest offrono una protezione UV insufficiente. I ricercatori avvertono che i filtri solari fatti in casa che includono oli essenziali, burro di karité o olio di cocco hanno un SPF compreso tra 1 e 7. E solo perché qualcosa è propagandato come “naturale” o “organico” non lo rende sicuro o efficace.

La ricerca è stata condotta dal Nationwide Children’s Hospital in Ohio e guidata dalla dott.ssa Lara McKenzie, del Centre for Injury Research and Policy. “Internet è un ottimo posto in cui le famiglie possono trovare ispirazione per le ricette e progetti artistici e artigianali, ma non necessariamente per creare sicurezza”, ha affermato il dott. McKenzie. “I prodotti per la protezione solare fatti in casa sono rischiosi perché non sono regolamentati o testati per l’efficacia come i filtri solari commerciali.

Lo schermo solare protegge dalle scottature solari, quindi le creme solari aumentano il rischio di cancro della pelle. Negli ultimi anni c’è stato anche un “cambiamento della società verso una vita pulita”, che ha spinto molti a cercare ricette casalinghe per la protezione solare. Ma la stragrande maggioranza di queste ricette offrono una protezione insufficiente contro i raggi UV dannosi.

L’olio di cocco, che rappresenta l’ingrediente più comunemente suggerito, ha un SPF di sette al massimo, secondo studi di laboratorio. E gli oli essenziali “non hanno la capacità di bloccare i raggi UV dei prodotti commercializzati. Molte delle ricette elencavano livelli specifici di SPF fino a 50, ma gli ingredienti delle ricette non sono scientificamente provati per offrire quel tipo di copertura ad ampio spettro”, ha detto il dott. McKenzie.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post