Curare il mal di testa con l’alimentazione


Un italiano su cinque soffre di emicrania e le cause possono essere diverse. A scatenarlo possono contribuire un semplice affaticamento o una tensione, lo stress o l’insonnia, una cattiva alimentazione, il fumo o l’aria “viziata”. Molte volte il mal di testa si può combattere a tavola, quindi vediamo alcuni consigli utili per cercare di prevenire questo fastidiosissimo malessere che inficia la nostra vita sociale e professionale.

Uno degli elementi che maggiormente induce il mal di testa è l’alcol. E’ il principale fattore scatenante un attacco di cefalea a grappolo: bastano anche piccole quantità̀ per scatenare un attacco doloroso. Bisognerebbe ridurre drasticamente i vini rossi con un alto contenuto di istamina, ma fuori dal periodo dolorante non è da escludere un buon bicchiere di vino a tavola.

Il caffè può aiutare a ridurre la cefalea o a scatenarla. Tutto dipende dalle dosi: se ogni mattina siete abituati a bere due o tre caffè astenersi potrebbe causare il mal di testa. Allo stesso tempo bere troppi caffè può essere la causa, in quanto provoca ansia, base prioritaria per soffrire di questo disturbo. La dose massima consigliata è di tre tazzine al giorno.

Per ridurre il rischio di cefalee l’ideale sarebbe seguire una dieta a basso contenuto di grassi. In più aiuta a dimagrire e potrebbe diminuire il rischio di malattie cardiache. Ovviamente qualunque dieta va intrapresa sotto stretto suggerimento del vostro medico di fiducia o di un alimentarista.

Attenzione ai nitriti. Sono dei conservanti che vengono impiegati per mantenere inalterati sapori e colori, soprattutto in carni e salumi. Secondo alcuni studi americani almeno il 5% dei casi di emicrania avvengono nei giorni in cui si mangiano alimenti che contengono nitriti. Il miglior suggerimento è di leggere bene le etichette dei prodotti e scegliere quelli con minor quantità di nitriti.

Il glutammato è un altro ingrediente potenzialmente amico del mal di testa. Per evitare l’assunzione del glutammato monosodico bisogna evitare di mangiare cibi industriali, snack, salse, dadi da brodo e le zuppe confezionate. Sarebbe meglio affidarsi ad un’alimentazione a base di verdura e frutta.

 

Tags:





Altre Ricette Buonissime

Commenta