Deodoranti e sbucciare un’arancia inquinano l’aria dell’ufficio

Deodoranti e sbucciare un’arancia inquinano l’aria dell’ufficio

di Ivana Tramontano

Indossare deodoranti o sbucciare un’arancia in ufficio può contribuire all’inquinamento dell’aria interna.

Gli scienziati della Purdue University hanno attrezzato quattro uffici con migliaia di sensori per monitorare i contaminanti dell’aria interna. Hanno trovato sostanze chimiche emesse da antitraspiranti, trucco e lacca per capelli che hanno raggiunto livelli fino a 20 volte superiori a quelli dell’esterno.

Sbucciare un’arancia rilascia monoterpeni, che si mescolano con l’ozono per formare particelle che potrebbero restare all’interno dei polmoni. Anche i composti organici volatili rilasciati dalla respirazione sono rimasti nell’aria molto tempo dopo che i lavoratori erano tornati a casa. Gli scienziati temono che un accumulo di contaminanti atmosferici possa provocare affaticamento, mal di testa e irritazione delle vie aeree, se gli uffici non sono adeguatamente arieggiati.

“Sappiamo che la scarsa qualità dell’aria interna negli ambienti di ufficio può influire negativamente sulla salute e sul benessere degli impiegati”, ha affermato l’autore dello studio, il dott. Brandon Boor al Daily Mail. “Livelli elevati di inquinanti dell’aria interna e aria viziata possono causare affaticamento, irritazione delle vie aeree e mal di testa”.

“La chimica dell’aria interna è dinamica”, ha detto il dottor Boor. “Durante il giorno cambia in base alle condizioni esterne, al funzionamento del sistema di ventilazione e ai modelli di occupazione in ufficio. Se vogliamo fornire una migliore qualità dell’aria agli impiegati per migliorare la loro produttività, è importante prima capire cosa c’è nell’aria e quali fattori influenzano le emissioni e la rimozione degli inquinanti”. Gli scienziati sperano che le loro ricerche guideranno lo sviluppo di sistemi di ventilazione migliori per gli uffici.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post