Dieta Dukan per dimagrire velocemente, gli esperti però avvertono: “Salute a rischio”

C’è chi la ama e chi la odia alla follia, quel che è certo è sicuramente che tra tutte le diete è quella più gettonata proprio per via dei risultato evidente che apporta in breve termine.

Dieta Dukan controindicazioni mediche
Dieta Dukan (Foto @termogenico.net)

I PEZZI PIU’ LETTI DI OGGI:

La sua sperimentazione la si deve al medico francese Pierre Dukan, il primo a proporre nel 1975 un approccio al dimagrimento basato sul consumo di cibi proteici e ortaggi di stagione, tagliando quasi del tutto i carboidrati dalla dieta.

Ma come funziona? È possibile avvicinarsi anche in giovane età oppure solo durante la menopausa? Scopriamo cosa dicono i nutrizionisti oggi.

C’è chi la ama e chi la odia alla follia, quel che è certo è sicuramente che tra tutte le diete è quella più gettonata proprio per via dei risultato evidente che apporta in chi sceglie di sottoporsi alle settimane di regime alimentare controllato.

I medici però lanciano l’allarme e fanno delle raccomandazioni importanti a chi decise di seguire questo regime controllato.

Dieta Dukan per tutti? Facciamo attenzione

La dieta Dukan è divisa in tre fasi + una di stabilizzazione: attacco, crociera, stabilizzazione e in ultimo il consolidamento. Nella fase di attacco sono vietati carboidrati, frutta e verdura di qualsiasi natura. Sono invece ammessi 72 alimenti ad alto contenuto proteico ma a basso contenuto di calorie: carni magre, pesce e frutti di mare, uova, latticini non grassi, tofu, tempeh e Seitan, e bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Dieta Dukan come funziona
Dieta Dukan (Foto di Nathan Cowley da Pexels)

Nella seconda fase vengono introdotti anche verdure cotte o crude in moderate quantità, più una serie di integratori alimentari. Nella terza 2 porzioni di carboidrati a settimana, mentre la quarta fase (di stabilizzazione) è quella del reintegro normale della consueta routine alimentare.

Vanta moltissimi chili persi in poco tempo, eppure, sentendo i medici nutrizionisti, sembrerebbe che gli svantaggi superino i vantaggi.

Non è infatti adatta per tutti, ad esempio è sconsigliata alle donne in menopausa e a chi soffre di varie patologie di carattere immunitario in quanto si basa su un eccesso proteico, carenza di carboidrati, mancanza di glucosio, che sul breve periodo comporta debolezza, irascibilità, stress, calo della massa muscolare, a volte pressione bassa.

Inoltre, come suggerisce la dottoressa Laura Quinti delle Terme di Saturnia Natural Spa, “l’aumento di corpi chetonici nel sangue pone l’organismo in condizioni sfavorevoli e obbliga fegato e reni a un lavoro intenso“.

Menopausa in cucina come affrontarla dettagli
Menopausa in cucina (Pinterest)

Quale consiglio dà la Quinti? “È un regime ipocalorico che molti affrontano con leggerezza, invogliati dai primi risultati, senza rendersi conto del dopo. Un consiglio? Se avete chili da perdere, consultate un dietologo: sarà lui a impostare e personalizzare la dieta per risultati a lungo termine”.