Dieta senza carboidrati: una follia da 7 giorni

Dieta senza carboidrati: una follia da 7 giorni

I carboidrati si dividono in semplici (Presenti in frutta, zucchero e patate) e complessi (contenuti in pane, pasta, cereali e verdure). Impossibile immaginare una dieta senza carboidrati protratta nel tempo, quindi si tratta solo di una dieta “last minute” che può essere seguita al massimo per una settimana, in modo da smaltire 4 o 5 kg. Ovviamente sta a voi riuscire a non rimettere i chili persi in pochi giorni.

Bisogna sottolineare che può essere uno shock per il nostro organismo e po’ arrecare scompensi se non viene stilizzata dal vostro medico di fiducia. Detto ciò ci sono i carboidrati che si possono mangiare e carboidrati da evitare se si vuole perdere peso. Il trucco di questo regime alimentare estremo sta nel consentire al corpo di prendere gli zuccheri immagazzinati come riserva, cercando fonti di energia alternative. Da qui la perdita di peso.

Gli alimenti che generalmente vengono eliminati sono: pasta e riso, pane e farinacei in genere, dolci, cracker, frutta secca. Via libera a cereali integrali, legumi, cetrioli, cavoli, cavolfiori, carciofi, finocchi, pomodori, melanzane, asparagi, broccoli, carni bianche e pesce. Le controindicazioni di una dieta senza carboidrati protratta nel tempo? Mal di testa, stitichezza, disidratazione, aumento dei livelli di acido urico nel sangue, carenze vitaminiche e ipoglicemia, infarto, ictus e malattie gravi,

Vediamo insieme un esempio di menù giornaliero della dita senza carboidrati:

COLAZIONE: Una tazza di latte scremato con cacao amaro in polvere e 30 gr di proteine isolate della soia

SPUNTINO: Fiocchi di latte magro o formaggio spalmabile light o 80 gr di tonno.

PRANZO: Petto di pollo alla piastra, o di tacchino, o bistecca di vitello, o ricotta. Un contorno a piacere e condite tutto a crudo con un cucchiaio di olio extravergine di oliva.

Spuntino di metà pomeriggio. Uno yogurt magro al naturale.

CENA: Pesce, come merluzzo in bianco, sgombro alla brace, polpo, orata al forno oppure una frittata di albumi. Aggiungete sempre un contorno a piacere a base di verdure e condite tutto a crudo con un cucchiaio di olio extravergine di oliva.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post