Diete ipocaloriche: aiutano il cuore e possono durare nel tempo

Diete ipocaloriche: aiutano il cuore e possono durare nel tempo

Secondo una nuova ricerca, la perdita di peso ottenuta attraverso una dieta a basso contenuto calorico può essere mantenuta e blocca l’età cardiaca. La ricerca ha mostrato che i pazienti obesi che seguivano una dieta da 800 calorie al giorno a base di zuppe e frullati hanno perso più del 10% del loro peso corporeo in quattro mesi. E quando hanno continuato a utilizzare i sostituti del pasto il 69% ha mantenuto il peso forma.

Hanno registrato anche benefici per la salute, riducendo la loro età cardiaca (un calcolo basato su fattori di rischio come pressione sanguigna, colesterolo e fumo) di cinque anni riducendo il rischio di infarto e ictus. I pazienti avevano un’età media di 63 anni, ma prima di perdere peso avevano un’età cardiaca media di 69 anni. Dopo aver perso peso, quattro anni dopo, quando avevano 67 anni, la loro età cardiaca era di soli 68 anni.

Per molto tempo si è temuto che, dopo aver seguito una dieta liquida, i pazienti inevitabilmente accumulavano di nuovo i chili una volta tornati a mangiare cibo normale. Questa nuova ricerca suggerisce che non è necessariamente il caso. Lo studio ha coinvolto 153 pazienti con artrosi del ginocchio provenienti dalla Danimarca che avevano perso circa il 13% del loro peso corporeo attraverso una dieta liquida ipocalorica di 16 settimane e hanno mantenuto quella perdita di peso per un anno sostituendo un pasto al giorno con un cibo liquido. La metà ha poi continuato a sostituire un pasto al giorno con una dieta liquida per tre anni, mentre il resto ha utilizzato cibo liquido una volta ogni quattro mesi per cinque settimane.

Lo studio, pubblicato su The American Journal of Clinical Nutrition l’anno scorso, ha rilevato che dopo tre anni, 106 pazienti – 69 per cento – in entrambi i gruppi erano stati in grado di mantenere una perdita di peso medio di 10 kg. “Questi risultati mettono in discussione l’ipotesi che il recupero di peso a lungo termine sia inevitabile”, ha affermato la ricercatrice capo Henning Bliddal, direttore del Parker Arthritis Institute dell’Ospedale Frederiksberg di Copenaghen.

Tom Sanders, professore emerito di nutrizione e dietetica al King’s College di Londra, avverte che le diete ipocaloriche liquide possono causare malnutrizione se non integrate con nutrienti essenziali a lungo termine. “Una volta perso il peso desiderato in una dieta a basso contenuto calorico, è necessario passare a una dieta di mantenimento più modesta. I risultati sono incoraggianti, ma occorre fare più ricerca prima di introdurre questo tipo di intervento ampiamente”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post