Difficoltà a perdere peso? La causa può risalire all’infanzia

Difficoltà a perdere peso? La causa può risalire all’infanzia

 

Le lotte per perdere peso possono essere radicate nei nostri ricordi d’infanzia dimenticati. Dolci con i nonni, una vita domestica disordinata e genitori invadenti possono portare ad abitudini alimentari emotive in età avanzata. Alcuni ricercatori londinesi spiegano come i ricordi d’infanzia potrebbero sabotare i tuoi sforzi per perdere peso.

Per molti di noi, le abitudini alimentari sono stabilite nell’infanzia e gli psicologi hanno scoperto che i primi eventi dimenticati possono avere un impatto duraturo sul comportamento alimentare da adulti. Sono questi legami tra le esperienze di vita e l’appetito – le nostre emozioni e i nostri stomaci – che contribuiscono al modo in cui ci relazioniamo al cibo per il resto della nostra vita.

Una volta che riconosci e comprendi cosa sta succedendo, sarai a metà strada per risolvere il problema, e quindi trovare e attenersi a un peso sano e felice diventa molto più facile. Durante l’infanzia il cibo è spesso fornito come fonte di conforto, anche quando non hai fame. Il biscotto per arginare le lacrime quando cadiamo,i dolci a casa della nonna… quindi non sorprende che molti di noi crescano associando i “cibi da trattare” con la ricompensa e le verdure come un male necessario.

Poi, nell’adolescenza, siamo così spesso colpiti da messaggi contrastanti: la pubblicità costante di cibi ricchi di grassi e zuccheri, ma anche la pressione per avere la figura perfetta.  Questo può causare confusione proprio nel momento più fragile in cui stiamo sviluppando il nostro senso di sé. Può portare a modelli alimentari difficili da spostare e potenzialmente dannosi in età adulta.

Sia che tu sia sottoposto a molte pressioni da eseguire, sia che tu abbia sofferto un lutto o che i tuoi genitori si siano separati, un’infanzia stressante può innescare un’eccessiva attivazione di sistemi di stress finemente bilanciati. Questo può influenzare gli ormoni che regolano il mangiare e il sentirsi sazi. Nell’età adulta, questo può innescare un’apparente incapacità di controllare il mangiare che, di per sé, può aumentare i livelli di stress, creando un circolo vizioso e un aumento di peso incontrollato.

A volte, le differenze di personalità tra genitore e figlio possono influire sui comportamenti alimentari successivi. Anche qualcosa di così sottile come esprimere emozioni diverse dai tuoi genitori può essere abbastanza da distorcere le relazioni future con il cibo.

Da bambini impariamo a conoscere le relazioni e i concetti umani come la fiducia, la sicurezza e la sicurezza di esplorare il mondo da genitori, nonni e altri adulti.  Ma gli studi hanno dimostrato che la genitorialità che potrebbe essere descritta come distante e disinteressata, incoerente, disorganizzata o irregolare può portare a una bassa autostima e insoddisfazione del corpo nel bambino. Per affrontare sentimenti difficili come la bassa autostima e le relazioni insicure con i tuoi genitori, alcune persone si rivolgono al cibo come un modo per far fronte. Questi schemi possono continuare in seguito nella vita e diventare così marcati che è difficile districarsi da dove iniziano i sentimenti e il cibo si ferma.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post