Dolori articolari: una spezia riduce le infiammazioni

Dolori articolari: una spezia riduce le infiammazioni

di Ivana Tramontano

Pillole di curcuma

Alcune spezie possono essere aggiunte a un piatto per aumentarne il sapore, ma può anche influire notevolmente sulla salute. Diversi studi hanno dimostrato di aiutare a ridurre l’infiammazione delle articolazioni.

La curcuma proviene dalla radice di Curcuma longa, una pianta fiorita della famiglia dello zenzero. Viene spesso venduto in barattoli, però se acquistato fresco, sembra simile alla radice di zenzero con un colore giallo più intenso. Puoi consumare la curcuma in una varietà di modi diversi, sia sotto forma di compresse, come un tè, capsule o nella sua semplice forma in polvere. In India, la curcuma viene utilizzata per trattare le condizioni della pelle e i problemi digestivi. In realtà, è un alimento base della medicina ayurvedica. Un altro dei suoi più famosi benefici è la riduzione dell’infiammazione, comprese le articolazioni infiammate.

Antinfiammatorio

La sostanza benefica più ricercata nella radice di curcuma è la curcumina. La curcuma e la curcumina, possono influenzare le vie infiammatorie nel corpo, dandogli potenti proprietà anti-infiammatorie. La ricerca ha dimostrato i benefici degli integratori di curcuma per chi soffre di malattia infiammatoria intestinale (IBD), artrite reumatoide e per la riduzione del dolore addominale nei pazienti con IBS.

Sebbene gran parte della ricerca si concentri sulla riduzione dell’infiammazione in queste condizioni più diagnosticate, possiamo beneficiare delle azioni antinfiammatorie che la curcuma ha da offrire per controbilanciare l’infiammazione proveniente da una dieta di tipo più occidentalizzato.

Altri benefici della curcuma

La curcuma è una fonte di potenti antiossidanti che lavorano per proteggere le nostre cellule e contrastare i danni dei radicali liberi prodotti quotidianamente dai nostri corpi. Oltre a contare gli agenti antiossidanti, la curcuma è anche una fonte di alcuni minerali, tra cui manganese, fosforo e potassio, che svolgono un ruolo chiave nella salute delle ossa, dei muscoli e del cuore. Inoltre la curcuma può provocare effetti su alcuni recettori del dolore all’interno del corpo, con ricerche che dimostrano l’efficacia del dolore addominale, del dolore toracico e dei crampi mestruali.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post