Donne obese in gravidanza: aumenta il rischio di aborto

Donne obese in gravidanza: aumenta il rischio di aborto

di Ivana Tramontano

Quasi metà delle donne in gravidanza sono in sovrappeso o obese. In questi casi il rischio di aborti spontanei può impedire ai bambini di svilupparsi correttamente nell’utero.

La ricerca ha dimostrato che i pargoli nati da genitori in sovrappeso hanno molte più probabilità di ingrassare, portando a diabete di tipo 2 e malattie cardiache. Un BMI superiore a 30 triplica anche il rischio di diabete gestazionale e ipertensione per la madre. Per la prima volta, oltre la metà delle donne viene registrata in sovrappeso o obesa durante la gravidanza.

‘Per le madri, il sovrappeso durante la gravidanza comporta rischi significativi tra cui diabete gestazionale, pre-eclampsia, aborto spontaneo ed emorragia postpartum. Nel frattempo, i bambini nati da genitori in sovrappeso hanno molte più probabilità di diventare bambini in sovrappeso e hanno maggiori probabilità di soffrire di condizioni patologiche come il diabete di tipo 2.

Le donne devono essere supportate prima del concepimento, durante la gravidanza e dopo la nascita per garantire il risultato più sano possibile sia per se stesse che per il loro bambino. Secondo uno studio britannico è fondamentale che ogni donna in età fertile si metta in forma prima di concepire.

Idealmente dovrebbe avere un indice di massa corporea inferiore all’indice di massa corporea 25, ma più è in alto nella scala dell’IMC, maggiore è il rischio di conseguenze negative per la salute di lei e del bambino durante la gravidanza e il parto.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post