Doppio richiamo per concentrazione di “aloina oltre i limiti”. Tutti i dettagli, marca e lotti

Nel mirino stavolta c’è finita un’azienda di Trieste, nello specifico di San Dorligo della Valle, che ha bloccato due prodotti per rischio chimico, vediamo di cosa si tratta nello specifico.

Aloe vera foglie tagliate
Aloe vera (Foto di krisana AdobeStock)

In questi giorni il Ministero della Salute sta svolgendo un attento controllo delle aziende italiane che producono e commercializzano prodotti sul territorio nazionale.

Sono varie le segnalazioni che ha riportato sul suo sito nelle ultime ore, tra queste ha anche pubblicato dei richiami che riguardano due prodotti a base di Aloe. Il problema riscontrato nello specifico riguarda la presenza di aloina oltre i limiti di legge.

L’avvertenza è importante perchè si tratta di due prodotto naturali venduti anche in farmacia, quindi ancora più accurata deve essere la specifica e l’accortezza poi dei consumatori di rispettare la direttiva ministeriale. Vediamo di cosa si tratta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Richiami alimentari della settimana: cosa vi siete persi dal 5 al 12 febbraio 2022

Marchio e lotti bloccati, tutte le specifiche per i consumatori

Anche stavolta la nota comunicata dal Ministero invita a non consumare i prodotti ma di riportarli nel punto vendita per il cambio merce immediato anche senza scontrino fiscale. In caso di dubbi telefonare al numero 040. 2824145 oppure mandare una mail a info@aloevonderweid.com.

Mal di stomaco
Mal di stomaco (Foto di Andrea Piacquadio da Pexels)

Si tratta di due prodotti a base di aloe, entrambi dell’Azienda Agricola Il Pulcino di Vonderweid Maurizio che non è solo il nome del produttore ma anche il nome o ragione sociale dell’OSA a nome del quale il prodotto viene commercializzato.

Sita in via J. Ressel 2/7 San Dorligo della Valle in provincia di Trieste, nello specifico i due prodotto a marchio Vonderweid hanno le seguenti caratteristiche:

  • Juice Aloe arborescens in flacone da 500 ml: lotto 15115 con data di scadenza ad aprile 2023
  • Ricetta del Frate Aloe arborescens in flacone da 500 ml: lotto 05110 con data di scadenza ad aprile 2023

Per chi se lo stesse chiedendo, l’aloina è un principio attivo antrachinonico naturalmente presente nell’aloe. Se assunta però in modo prolungato o ad alte dosi, è irritante per la mucosa intestinale poiché ha un potere fortemente lassativo e infiamma le pareti del tratto gastrico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Nuovo richiamo alimentare: possibile traccia di allergeni nei cannelloni. La nota del Ministero

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup 

In altre parole questa sostanza stimola in maniera meccanica l’evacuazione, ovvero lo spostamento delle feci attraverso il canale intestinale. L’aloina oltre i valori di legge tende col tempo a creare infiammazione dei tessuti e diventa pericolosa.

Per ogni dubbio contattate il vostro medico di fiducia per avere ogni informazione e togliervi dubbi sull’argomento.