Due yogurt a settimana per proteggere il cuore

Due yogurt a settimana per proteggere il cuore

Consumare almeno due vasetti di yogurt a settimana aiuterebbe a prevenire le malattie cardiovascolari nelle persone che soffrono di ipertensione arteriosa. Ad affermarlo una ricerca pubblicata sull’American Journal of Hypertension dalla Oxford University e condotta su 55.000 donne e 18.000 uomini che soffrivano di pressione alta.

Secondo lo studio il consumo di almeno due vasetti di yogurt a settimana, associata ad una dieta equilibrata, consentirebbe una riduzione del rischio di infarto e ictus pari al 20%. “Abbiamo ipotizzato che l’assunzione di yogurt a lungo termine potesse ridurre il rischio di problemi cardiovascolari poiché alcuni piccoli studi precedenti avevano mostrato effetti benefici dai latticini fermentati – ha dichiarato un autore dello studio -. In questo lavoro abbiamo studiato una grande coorte di uomini e donne ipertesi, che sono stati seguiti per 30 anni. I risultati forniscono nuove importanti prove che lo yogurt può portare benefici alla salute del cuore, da solo o come parte integrante di una dieta ricca di fibre, frutta, verdura e cereali integrali”.

Ma lo yogurt apporterebbe anche molti altri benefici risaputi ormai da tempo. Innanzitutto fa bene all’intestino grazie al contenuto di fermenti lattici. Il suo consumo infatti, riduce la formazione di solfuro di idrogeno, che è la causa dell’alitosi e del tumore al colon, e agevola la digestione. Inoltre lo yogurt rafforza il sistema immunitario contro l’attività di funghi, batteri e virus. Rafforzando il sistema immunitario, apporta benefici anche ai soggetti che soffrono di allergie e aiuterebbe a prevenire i malanni stagionali come l’influenza e il raffreddore.  Lo yogurt fa bene alla salute delle ossa. Grazie al buon contenuto di calcio e vitamina D è un buon strumento valido per prevenire l’osteoporosi e prendersi cura delle ossa. Quando si acquista uno yogurt, se si vuole beneficiare di queste proprietà, è bene leggere l’etichetta per verificare la presenza di vitamina D.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post