Emicrania: metodi per prevenire e ridurre gli attacchi

Emicrania: metodi per prevenire e ridurre gli attacchi

di Ivana Tramontano

L’emicrania è una condizione complessa e multifattoriale del sistema nervoso e sfortunatamente non esiste una chiara causa o soluzione. Adottare misure per evitarli è uno dei passaggi principali per ridurre gli attacchi. Di seguito alcuni consigli utili per ridurre il dolore.

Le emicranie sono spesso precedute da segnali di avvertimento che indicano che un attacco potrebbe essere imminente. Questi sintomi comprendono: cambiamenti emotivi, maggior frequenza urinaria, torcicollo. Riconoscere questi segnali e prendere provvedimenti per ridurre al minimo i fattori esacerbanti può aiutare a respingere gli attacchi e ridurre la durata e l’intensità.

Se sospetti che si verifichi un attacco di emicrania, meglio andare a casa a riposare in una stanza buia e fresca, senza tv e computer.

Bevi molta acqua. La disidratazione è un potenziale fattore scatenante per le emicranie.

Concentrati su cibi ricchi di carboidrati e proteine ​​complesse per mantenere in equilibrio i livelli di zucchero nel sangue.

Prova a massaggiare la base della testa e delle tempie e prova a scaldare il collo con una sciarpa o una bottiglia di acqua calda, disse Hannah.

Alcuni oli essenziali possono anche essere di beneficio, come l’olio di lavanda e l’olio di menta piperita applicato alle tempie e alla fronte.

Come prevenire l’emicrania

Mentre quanto sopra può aiutarti a frenare un’emicrania, prevenire è meglio che curare. Ecco alcuni consigli a lungo termine per prevenire l’emicrania.

Elimina i cibi altamente trasformati e zuccherini, concentrati sul consumo di frutta e verdura di colore diverso, proteine ​​di buona qualità come carne biologica, uova, tofu, fagioli, legumi, noci, pesce azzurro, olio di oliva e di lino e avocado.

Riduci il consumo di alcolici. L’alcol è stato segnalato come un fattore scatenante dell’emicrania in circa un terzo dei pazienti con emicrania. Il vino e la birra sono più comunemente segnalati per scatenare attacchi.

Si ritiene che l’infiammazione originata da una cattiva salute intestinale possa contribuire all’infiammazione delle principali vie del dolore nel cervello, innescando attacchi di emicrania. Secondo alcuni studi gli integratori di batteri vivi potrebbero essere di beneficio.

Lo stress è il fattore elencato più spesso dai malati di emicrania come fattore scatenante per i loro attacchi. Ritagliati del tempo per rilassarti, ad esempio facendo un bagno, leggendo un libro, trascorrendo del tempo all’aperto o impegnandoti con hobby e amici.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post