Esplode il Bimby: mamma ustionata, l’azienda risponde

Esplode il Bimby: mamma ustionata, l’azienda risponde

Un robot da cucina è uno strumento che quasi ogni donna vorrebbe avere a disposizione, per risparmiare tempo e realizzare piatti prelibati in maniere semplice oltre che repentina.

Ma in qualche raro caso può trasformarsi in un incubo, come successo alla signora Danika.

12825608_10207903941774563_1720890673_n

Una mamma australiana stava preparando il sugo per la cena con il Thermomix, un altro nome utilizzato per definire il Bimby.

Ma dopo aver inserito gli ingredienti in modo corretto, come ormai faceva da tempo ha azionato il robot e, quando tutto era quasi pronto, prima sente delle strane vibrazioni, poi il coperchio si apre e la casalinga viene investita da una vera e propria esplosione, con i liquidi che le causano ustioni di secondo grado in varie zone del corpo.

Dopo la corsa in ospedale la signora Danika viene medicata e curata e chiede alla casa produttrice dell’elettrodomestico di ritirare il modello TM31.

Alcuni numeri di serie, fabbricati da ottobre 2012 a maggio 2014, erano già stati richiamati per un difetto al coperchio che sembrava non reggesse alla forte velocità.

Ma malgrado l’accortezza il Bimby della cittadina australiana è esploso causandole danni permanenti.

“Penso a cosa sarebbe potuto succedere se i miei figli fossero stati lì con me seduti in cucina…”, ha osservato la mamma al Daily Mail.

Un portavoce dell’azienda ha fatto sapere che stanno cercando di indagare sulle cause, ma la signora non ha consentito una verifica diretta sul robot da cucina: “Da quando è stato messo al corrente di questo incidente nel mese di gennaio, Bimby è stato molto cooperativo in questo caso. Abbiamo fatto, e continuiamo a fare, ogni sforzo per lavorare con la signora Jones per investigare la questione”, ha detto il portavoce.

“Purtroppo, la signora Jones ha rifiutato le nostre richieste per indagare l’apparecchio. Senza un esame approfondito della macchina, il produttore è in grado di determinare la causa di questo incidente. Sfortunatamente, a volte l’apparecchio può essere utilizzato in modo non corretto”.

 

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post