Fame nervosa: consigli utili per stare lontani dal cibo

Fame nervosa: consigli utili per stare lontani dal cibo

di Ivana Tramontano

La fame nervosa ci assale nei periodi di stress o come consolazione in momenti particolari della vita. Cosa fare per mettere fine a questo poco salutare fenomeno?

A volte capita di essere stanchi, stressati, di malumore e di trovare conforto in cibi poco salutari, come patatine, cioccolato, dolci, porzioni maxi di gelato, alimenti fritti e, più cerchiamo di controllarci, meno ci riusciamo. Eppure, contrastare la fame nervosa è possibile e anche doveroso.

L’appagamento derivato dal cibo ha una causa fisica e una psicologica.
Dal punto di vista dell’organismo, l’assunzione di cibo libera glucosio che a sua volta favorisce il rilascio di dopamina, un neurotrasmettitore che provoca piacere nel nostro cervello. Dal punto di vista psicologico-ancestrale, invece, il cibo ci riporta alla grande soddisfazione che provavamo da neonati quando succhiavamo il latte materno. Ecco perché, quando ci sentiamo tristi o stressati, alcuni alimenti si trasformano in nutrimento per l’anima e in fonte di amore.

Nei casi saltuari di fame nervosa (viceversa è opportuno rivolgersi ad un medico) esistono alcuni rimedi efficaci.

Innanzitutto facciamo scomparire cibi dolci e poco salutari, meglio puntare su alimenti gustosi ma con poche calorie. Seguite un’alimentazione equilibrata: se a pranzo mangiate un panino al volo, sarà più difficle frenare la fame.

Se il desiderio di cibo dipende dallo stress, cerchiamo di tenere sotto controllo i ritmi delle nostre giornate e prenderci qualche momento di pausa, dedichiamoci a qualche attività divertente, come chiacchierare con un’amica al telefono, o praticare un hobby creativo.

Trovarsi a casa spinge maggiormente a consumare cibi poco salutari. Meglio uscire, andare al cinema, fare una passeggiata con amici o una gita fuori porta. Non trascuriamo lo sport e l’attività fisica: il movimento libera endorfine, amiche del buon umore, e fa sentire meno il desiderio di mangiare.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post