Feijoa, Proprietà E Benefici

Feijoa, Proprietà E Benefici
LA PREPARAZIONE

La Feijoa è un frutto tropicale ancora poco conosciuto, originario dell’America del Sud, ma coltivato anche in Africa e in Italia meridionale, seppur in quantità molto modeste. E’ un frutto di forma un po’ allungata, presenta una buccia di colore verde scuro e liscia, mentre la parte interna è biancastra con piccoli semi. Il sapore assomiglia tanto a un mix tra ananas e fragola.

ThinkstockPhotos-498911366

Per mangiarlo nel modo più giusto si consiglia di tagliarlo a metà e mangiare la polpa con un cucchiaino. Se volete conservarlo in frigo dopo averlo tagliato è opportuno rivestirlo con acqua e limone in modo da evitarne l’ossidazione e che diventi di colore marrone. Si può consumare anche come ingrediente di una macedonia, magari abbinata a kiwi e arance, oppure può essere cotta per preparare gustose marmellate.

Oppure potete preparare un infuso dolcissimo mescolando fiori e foglie al fine di avere una bevanda immunostimolante e dalle proprietà antibiotiche.

La feijoa possiede numerose proprietà benefiche, grazie al contenuto di vitamina C, K, fibre, beta carotene, sali minerali, iodio, flavonoidi e possiede un modesto valore calorico (70 Kcal/100 g di polpa).

Innanzitutto possiede qualità anticancerogene per via della presenza di quercitina e canferolo presenti nella polpa, che rallentano l’invecchiamento cellulare e contrastano i radicali liberi. Per il suo alto contenuto di iodio può essere l’ideale per prevenire alcune malattie della tiroide come il gozzo.

La feijoa ha buone proprietà antibatteriche ed è consigliata contro funghi e batteri che causano disturbi gastrointestinali. Inoltre ha capacità disintossicanti per il fegato, grazie all’apporto di acqua e vitamine che consentono di eliminare le scorie e le tossine. La feijoa è inoltre un ottimo alleato del cuore e previene le malattie cardiovascolari, grazie all’apporto di omega 3 e omega 6 e di grassi polinsaturi; inoltre scioglie il grasso presente nelle arterie e abbassa i livelli di colesterolo.

 

 

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post