Ferro da stiro, sai che consuma un sacco? Usa questo trucchetto e non dovrai più preoccuparti

Il ferro da stiro è uno degli elettrodomestici che consuma di più in assoluto in casa, esistono però delle accortezze che ci aiutano a risparmiare molti soldi quando lo accendiamo. Vediamole tutte. 

Ferro da stiro come pulire piastra
Ferro da stiro (Foto di blanche AdobeStock)

Forse non tutti lo sanno ma il ferro da stiro è uno degli elettrodomestici casalinghi che consuma di più in assoluto, addirittura di più della lavatrice.

I ferri da stiro, sempre a seconda del modello e della tipologia, hanno potenze che variano dai 600 ai 3000 W, questo spiega perchè spesso se si accendono altri apparecchi insieme a questo può saltare la corrente o attivarsi un corto circuito.

La massima potenza però si raggiunge solo mentre questo si riscalda, mentre una volta raggiunta la temperatura il consumo scende a 1000 W. Ma quindi quant’è il consumo effettivo di un apparecchio casalingo?

Per sapere il costo concreto, basta moltiplicare il kWh consumati per il loro costo: ad esempio se il ferro da stiro ha una potenza di 1.500 watt, e lo si utilizza 10 ore al mese, il suo consumo sarà di 15 kWh/mese.

Come risparmiare con il ferro da stiro: i trucchi da mettere in pratica a casa

Se si vuole risparmiare serve usare un pò la testa ed il buonsenso. La situazione mondiale attuale ci impone di modificare il nostro attuale modo di svolgere le normali attività quotidiane, compreso l’uso degli apparecchi elettrici come il ferro da stiro.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Metti amido di mais vestiti
Stirare una camicia (Foto di L.Santilli per AdobeStock)

La prima regola è comprare un ferro da stiro di classe energetica alta. Il costo è decisamente più elevato ma si riuscirà ad ammortizzare il costo erogato in pochissimi mesi con consumi energetici molto più bassi rispetto ad un vecchio modello di qualche anno fa. Inoltre preferite modelli con la piastra in alluminio, più veloce da riscaldare e non soggetta a sbalzi termici.

Un altro consiglio però va rivolto al bucato: cercate di fare lavaggi con centrifuga bassa in modo che le pieghe sui tessuti siano molto poche ed il capo necessiti quindi di meno lavoro manuale di stiratura.

NON PERDERTI ANCHE –> Versa dell’aceto nel bicchiere e aggiungi queste bucce. Aspetta e vedrai: succede l’incredibile

Se invece usate l’asciugatrice, meglio estrarre i vestiti leggermente umidi e non completamente asciutti, questo agevolerà la fase di stiro con la piastra che scorrerà meglio sul capo.

Ricordate anche di iniziare a stirare capi di tessuti leggeri che necessitano di temperature più basse, infatti man mano che passa il tempo la temperatura del ferro aumenta e potrete quindi procedere con capi più impegnativi (come jeans, tovaglie, felpe, eccetera).

Staccate la spina quando siete quasi alla fine del lavoro, il ferro continuerà a scaldare ancora per parecchio tempo ma voi risparmierete moltissimo in termini di prestazioni energetiche.

NON PERDERTI ANCHE –> Antipasti di Natale da preparare in anticipo. Pronti in 10 minuti: mettiti subito ai fornelli

Metti foglio alluminio tavola stirare trucchetto
Ferro da stiro (Foto da AdobeStock)

Bisogna infine fare attenzione alla formazione del calcare, poiché riduce l’efficienza del ferro e aumenta inevitabilmente il consumo di corrente. Se volete approfondire vi rimandiamo alla lettura del nostro articolo “Ferro da stiro annerito, con questo ingrediente della dispensa torno lucidissimo“.