Feste di Natale: quante ore passiamo ai fornelli?

Feste di Natale: quante ore passiamo ai fornelli?

Tutto pronto per il Natale che per l’86% degli italiani si trascorrerà a casa propria con parenti e amici, uno storico ritorno al “fai da te” come non si registrava da oltre mezzo secolo. Secondo un’analisi di Coldiretti/Ixè si passeranno in media 3,3 ore ai fornelli. Una famiglia su cinque dedicherà oltre 5 ore ai fornelli. La spesa complessiva per imbandire le tavole di Natale e Capodanno ammonterà a 4,8 miliardi di euro, il 19% in più dell’anno scorso.

“Tra quanti sono impegnati ai fornelli la maggioranza del 59% – sottolinea la Coldiretti – resterà in cucina meno di tre ore, il 23% da tre a cinque ore e il 18% oltre cinque ore. Il ritorno in cucina è confermato dal fatto che ben il 46% dei responsabili della preparazione dei pasti dichiara di preparare personalmente i dolci della tradizione da offrire sulla tavola delle feste. Una tendenza che spinge anche verso una scelta attenta degli ingredienti, con una predisposizione elevata alla ricerca di materie prime fresche e genuine”.

Sarà un menù rigorosamente made in Italy come confermato dal fatto che il 90% degli italiani porterà in tavola lo spumante che è il prodotto delle festività più rappresentativo e consumato. La frutta locale scelta dal 90% degli italiani batte nettamente quella esotica o fuori stagione alla quale comunque non rinuncia il 43% degli italiani. Un altro pezzo forte saranno i dolci preparati in casa che saranno realizzati dal 48% delle famiglie italiane. In due settimane si consumeranno 100 milioni di chili tra pandori e panettoni, 50 milioni di bottiglie di spumante, 20 mila tonnellate di pasta, 800 mila capponi, 6,5 milioni di chili tra zamponi e cotechini, una grande quantità di frutta secca, formaggi, dolci e carne.

Quest’anno la novità saranno i cosiddetti superfood con proprietà vere o presunte salutistiche. Un italiano su quattro porterà in tavola farro, noci, visciole, ma anche zenzero e bacche do goji che, provenendo in gran parte dalla Cina, è ai vertici per gli allarmi sanitari.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post