Li mangi a Natale ma possono costarti la vita. Il richiamo alimentare preoccupa

Un richiamo alimentare ha spaventato gli italiani: uno dei prodotti più consumati a Natale presenta tossine. Consumatori preoccupati.

Fichi secchi ritirati mercato
Fichi secchi in una ciotola (Fonte da Pixabay)

Ormai ci siamo: tra poco più di 20 giorni, arriveranno le festività natalizie. Questo particolare periodo dell’anno è attesissimo dagli italiani: è il momento adatto – Covid permettendo– di trascorrere alcune ore in compagnia di amici e di familiari.

Durante le giornate di festa, si tende anche a fare cenoni e super pranzi in cui vengono serviti prodotti di ogni tipo. Al termine delle grandi ‘abbuffate’, prima di passare ai dolci, si consumano solitamente noci, noccioline, pistacchi, mais tostato, arachidi e fichi secchi. 

Attenzione però: c’è un richiamo alimentare che ha già spaventato tutti. A quanto pare, alcuni fichi secchi commercializzati anche in Italia sono tossici per l’organismo.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Fichi secchi ritirati dal mercato: la nota che spaventa i consumatori

Non è Natale senza fichi secchi. I fichi sono sicuramente tra i frutti più amati dagli italiani: nel corso delle festività natalizie, vengono acquistati quelli essiccati attraverso alcuni processi.

Fichi secchi ritirati mercato
Fichi secchi (Fonte da Pixabay)

LEGGI ANCHE –> Usa il succo di limone così. Quello che accade è assurdo: non crederai ai tuoi occhi

Ricchi di sali minerali, di vitamine e di carboidrati, è sconsigliato un consumo eccessivo dal momento che apportano tantissime calorie. Chi segue una dieta per dimagrire, ad esempio, non dovrebbe proprio mangiarli.

LEGGI ANCHE -> Polpette alla Norcina: tripudio regionale da provare. Facili e veloci piacciono a tutti

C’è un richiamo alimentare che ha però già spaventato gli italiani. Il RASFF, ossia il sistema rapido di allerta europeo per la sicurezza di alimenti e mangimi, ha segnalato un livello di rischio serio per i fichi secchi provenienti dalla Turchia e che vengono distribuiti anche nei supermercati e nei negozi di alimentari italiani.

Stando a quanto si legge sul sito ufficiale del RASFF, c’è un elevato superamento di Aflatossine nei fichi secchi della Turchia. La nota è stata pubblicata il 28 novembre del 2022.

Fichi secchi ritirati mercato
Fichi secchi (Fonte da Pixabay)

C’è quindi un’elevata possibilità di contaminazione per chi entra in contatto con questi particolari prodotti alimentari: state quindi attenti a ciò che acquistate nei prossimi giorni. Per quanto concerne i fichi secchi, c’è anche chi già li sta consumando: è bene leggere quindi cosa si ha in casa prima di mangiarli.