Forno statico o ventilato? Ti spieghiamo (bene) qual è la differenza e come si usa

Capita che bisogna cuocere qualcosa nel forno e non si sappia su che modalità impostarlo. Statico o ventilato? Andiamo a scoprire la differenza tra i due e in quali occasioni usarli.

forno statico o ventilato
Torta di mele in forno (Finn-b da Pixabay)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

  1. Torta di crema e mele nido d’ape, una bontà fuori dal comune: bastano pochissimi ingredienti
  2. Pomodori croccanti, ne ha i mai sentito parlare? La ricetta è semplicissima e ti fa fare un figurone
  3. Pici senesi alle briciole. Un primo piatto tradizionale che piace proprio a tutti

Il forno è un elettrodomestico che usiamo veramente con molta frequenza: non è adibito solamente alla cottura, spesso può essere usato anche come un elemento per riscaldare i cibi.

Abbiamo già parlato all’interno di un articolo dedicato come impostare l’oggetto in questione per la cottura dei dolci. Qualora voleste consultarlo, vi basterà cliccare sul seguente link.

Oggi invece ampliamo il mondo della scoperta andando a vedere qual è la differenza sostanziale tra forno ventilato e statico e come usarli in diverse occasioni.

Con questi piccoli trucchetti in cucina potrete dire addio alle esitazioni e ai dubbi su come impostare questo elettrodomestico. Nulla sarà più facile di così!

Forno ventilato o statico: le differenze e come usarli

Partiamo dal primo caso, come si usa il forno ventilato ed a cosa serve? Principalmente svolge due funzioni: la prima è quella di cuocere più velocemente gli alimenti.

La seconda invece risulta quella di garantire un interno morbido e succoso della pietanza mentre rende croccante la parte esterna.

cuocere dolci forno risultati perfetti
Cottura ottimale in forno (Yakobchuk Olena da Adobe Stock Photo)

Possiamo utilizzare dunque questa modalità per cuocere le classiche lasagne o pasta al forno, che dir si voglia, l’arrosto o anche i biscotti per cambiar categoria.

Ancora, questa è la modalità giusta per realizzare delle ottime verdure farcite, crostate o del pesce al cartoccio.

Forno statico: quando usarlo e perché

Passiamo ora dall’altra sponda. A cosa serve il forno statico? Anch’esso come il precedente svolge due mansioni in particolare: la prima è quella di riscaldare lentamente gli alimenti.

Se dunque vi è avanzata una pietanza a pranzo e voleste rimangiarla per cena, impostate questo tipo di modalità del forno e riscaldate il piatto.

La seconda funzionalità che impone invece è quella di garantire una cottura omogenea della pietanza. Per questo motivo tramite il forno statico andremo a cuocere torte, meringhe e Pan di Spagna per quanto riguarda i dolci.

modalità forno quale usare
Come impostare la cottura del forno (Cottonbro da Pexels)

Allo stesso modo, useremo questa modalità per tutto ciò che riguarda il mondo della farina e del lievito: dunque pane, pizza, focacce e pasta sfoglia.

Ora avete tutti gli strumenti a disposizione per non sbagliare più la modalità di cottura rischiando disastri e piatti bruciati. Facile no?