Frittata: tutti gli errori

Frittata: tutti gli errori
LA PREPARAZIONE

La frittata è un piatto tipicamente italiano a base di uova, cotta da entrambi i lati e, a seconda degli ingredienti aggiunti, può essere servita come secondo piatto o come contorno. In molti la confondono con l’omelette, di origine francese: quest’ultima, al contrario della frittata, non viene girata durante la cottura e viene servita piegata in due, eventualmente farcita con altri ingredienti.

A prima vista potrebbe essere considerato un piatto molto semplice da preparare, eppure in molti commettono dei grossolani errori durante la preparazione di una frittata. Ad esempio spesso capita di non riuscirla a girare, o che sia cruda, o al contrario troppo bruciata. In vero cuocere una frittata a puntino richiede una certa maestria e di seguire alcune regole basilari che oggi vi elencheremo.

ThinkstockPhotos-79711641

La prima regola fondamentale per cuocere una frittata ad arte è di non sbattere troppo le uova, al punto da montarle. Le uova vanno sbattute con una forchetta quel poco che basta per amalgamare gli ingredienti (uova, pepe e sale; inoltre si può aggiungere del parmigiano o un goccio di latte).

Un’altra regola fondamentale è scegliere la padella più appropriata, e non una a caso: se dovete cuocere una frittata con 4 uova basterà una padella di 16 cm di diametro. Inoltre prima di versare l’olio la padella deve essere calda e mi raccomando a non esagerare con l’olio.

Se dovete aggiungere delle verdure alla vostra frittata tagliatele a pezzi molto piccoli e aggiungetele crude al composto a base di uova e mescolate il tutto prima di versare in padella. Oppure cuocete prima le verdure lasciandole “al dente”.

Per ottenere una cottura perfetta si consiglia di fare delle piccole incisioni durante cottura, utilizzando un cucchiaio di legno. Se utilizzate una padella antiaderente mai utilizzare una forchetta o un coltello per fare le incisioni: basterà muoverla ogni tanto per staccare la frittata.

La fase più difficile è girare la frittata: aiutatevi con una spatolina per staccarla dai bordi e versatela su un coperchio o un piatto grande prima di rigirarla. Qualora questa procedura dovesse essere troppo difficoltosa potete sempre decidere di cuocere la frittata al forno: basta rivestire una pirofila con carta da forno, versare il composto e cuocere a 180°C per 15 o 20 minuti.

 

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post