Frutta tropicale e 110 chili di cocaina, la scoperta senza precedenti. Maxi sequestro della dogana

La cocaina è stata scoperta nel corso di un controllo di routine all’interno di un container proveniente dal Sudamerica e contenente frutta tropicale dall’Ecuador.

Controlli della Guardia di Finanza Porto Catania cocaina
Controlli della Guardia di Finanza (Foto @affaritaliani.it)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Nuovo maxi sequestro delle Autorità delle Dogane che nelle scorse ore hanno intercettato un carico di cocaina custodito all’interno di un carico di fritta tropicale proveniente dal Sudamerica.

L’intercettazione è avvenuta nel porto di Catania dove la Guardia di Finanza e i funzionari dell’Agenzia delle Dogane del capoluogo che hanno scoperto durante un’operazione di routine oltre un quintale di droga giunto clandestinamente all’interno del porto etneo.

Nello specifico i funzionari hanno controllato alcuni container appena arrivati dal Sudamerica all’interno di una motonave adibita al trasporto eccezionale di prodotti agroalimentari, nello specifico frutta tropicale proveniente dall’Ecuador.

Subito la macabra scoperta che ha innescato il sequestro immediato del carico ed il fermo per i trasportatori.

Frutta tropicale imbottita di cocaina, valore stimato 12 milioni di euro

Come riporta la cronaca locale, le Fiamme Gialle da prassi sono entrate in azione con i cani antidroga per scovare eventuali irregolarità di traffico.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Controlli della Guardia di Finanza Porto Catania cocaina
Tetto dei container pieno di cocaina (Foto @dire.it)

Si sono accorti subito però che sul tetto di uno dei container vi era una saldatura irregolare e così hanno deciso di dissaldare la paratia con l’aiuto dei Vigili del Fuoco.

Sotto il tetto, all’interno della coibentazione del container frigorifero, sono stati trovati 96 panetti di cocaina purissima pari a oltre 110 chili. Le analisi svolte in separata sede hanno dimostrato una purezza del materiale pari all’80%.

L’eventuale vendita della droga avrebbe portato ad un ricavo netto di 12 milioni di euro per i mandanti del carico. Si tratta del sequestro di droga più ingente mai scoperto nel porto di Catania dalla Guardia di Finanza.

La conseguente scoperta ha fatto sì che si è reso necessario il fermo dei soggetti trasportatori interessati che in queste ore saranno impegnati nelle classiche operazioni di interrogazione congiunte per capire mandanti e persone interessate nell’operazione.

Si ipotizza che possano essere stati imbarcati così altri carghi provenienti dal Sud America, si intensificano quindi le operazioni di controllo anti droga lungo le cose del Meridione nei prossimi mesi per cercare di bloccare tale operazione.

Carabinieri Nas maxi sequestro alimenti Emilia e Lazio dettagli
Carabinieri Nas (Foto Instagram @haccpsystemgroup)

Il Ministero e le Autorità spiegano che non vi è alcun allarmismo per la salute dei consumatori, nessun alimento è stato intaccato dalla droga trasportata e quindi non vi è rischio alcuno relativamente la salubrità di quanto eventualmente acquistato nei mercati rionali del Meridione.