Gelato, MAI mangiare la punta del cornetto: lo facciamo tutti, errore gravissimo!

Mangiare la punta o non mangiarla? Questa potrebbe essere una dura scelta ora che il momento gelati è esploso a gonfie vele. I medici suggeriscono che sarebbe meglio evitarla, ecco perchè. 

Punta del Cornetto gelato ecco perchè non va mangiata
Cono gelato industriale (Foto Instagram @robertabakerandmore)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Il tempo dei gelati è arrivato, siano essi artigianali a base di frutta fresca e pochi zuccheri aggiunti ma anche quelli industriali prodotti dalla marche italiane più amate di sempre e che da anni colorano le nostre estati.

Togliere il gelato a qualcuno è come fare un torto mortale, prelibatezza ed oggetto del desiderio irrinunciabile da sgranocchiare e assaporare morso dopo morso.

Questo vale ancora di più se vi trovate a casa ancora sommersi dal lavoro con le ferie lontane anni luci, e solo addentare un bel gelato – magari un bel cornetto – è la vostra sola via di fuga. E che buona la punta!

Eppure se vi dicessimo che mangiare la punta di cioccolato del cornetto è la cosa meno salutare da fare, voi che fareste? Esistono infatti due fazioni riguardo questa prassi, chi la scarta e chi invece la mangia subito perchè è il pezzo migliore di tutti in assoluto.

L’ultimo studio scientifico però ha portato alla ribalta una nuova allarmante realtà che metterebbe in serio pericolo le abitudini di milioni di italiani. Vediamo a cosa dobbiamo stare molto attenti.

Mai mangiare la punta del cornetto, motivo incredibile: salute a rischio

Ne ha parlato per la prima volta qualche mese fa il chimico Bert Weckhuysen, studioso dell’università di Utrecht, il quale ha portato in luce la questione del procedimento poco salubre messo in atto dall’industria alimentare per rendere solido il cioccolato contenuto nella punta.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Punta del Cornetto gelato ecco perchè non va mangiata
Punta del cornetto gelato (Foto @ohfun.net)

Il meccanismo è piuttosto elaborato e comporta alcuni rischi per la salute di chi consuma il suddetto gelato.

Nello specifico per avere un gelato solido che fatica a sciogliersi anche ad alte temperature, l’industria ha elaborato il sistema dell’idrogenazione del cioccolato che trasformerebbe i grassi insaturi (liquidi) in saturi (solidi a temperatura ambiente).

La parte in fondo al cornetto, quella della punta, resta quindi solida anche appena tolta dal freezer ma tutto questo solo perchè viene cambiato il punto di fusione della materia prima.

L’obiettivo che si raggiunge tramite l’aggiunta di una molecola di idrogeno, l’idrogenazione appunto, che però porta ad avere condensati molti grassi saturi nella punta, pericolosi quindi per la salute cardiocircolatoria.

A tutto questo si deve aggiungere anche l’elevata presenza di zuccheri e addensanti chimici presenti nel gelato che vanno drasticamente a ledere la salute del consumatore.

Secondo i dati OMS il quantitativo giornaliero di grassi saturi che è possibile assumere senza incorrere in problemi legati alla salute di cuore e arterie è quello di non oltre il 10% del cibo consumato.

Un limite massimo di zucchero è fissato invece ad appena 30 g al giorno mentre quello di dolci industriali a una sola volta la settimana!

colesterolo uova relazione
Colesterolo nel sangue (Canva)

Occorre quindi prestare attenzione ai gelati che mangiamo per non incappare in problematiche più gravi per la nostra salute cardiovascolare. Voi che farete? Direte addio alla punta di cioccolato o la mangerete lo stesso? Il segreto è la moderazione, sempre.