Gianluca Ginoble del Volo con delle simpatiche amiche: cosa preparano insieme

Il cantante del trio Il Volo nella sua Abruzzo racconta uno dei piatti più buoni della tradizione enogastronomica regionale.

Gianluca Ginoble cucina arrosticini cena famiglia foto
Gianluca Ginoble (Foto Instagram)

Gianluca Ginoble Di Vittorio nasce nel 1995 a Roseto degli Abruzzi in provincia di Teramo ma cresce nella frazione di Montepagano con i suoi genitori e suo fratello Ernesto.

Proprio qui il cantante tenore de Il Volo è tornato per le sue vacanze estive dove insieme alla famiglia e agli amici sta trascorrendo le giornate all’insegna del relax in barca, canoa e a trovare anche il nonno che tanto gli assomiglia e a cui il pensiero vola sempre nonostante la lontananza.

Gianluca Ginoble nel suo Abruzzo non ne può fare a meno

Il prossimo 9 settembre sarà all’Arena di Verona per un concerto con i compagni di squadra Piero Barone e Ignazio Boschetto e sono già tanti i fan del gruppo che non vedono l’ora del grande evento musicale.

Ginoble però al momento non ci pensa, la testa è immersa nelle scampagnate in avanscoperta della sua terra natale e dei suoi paesaggi incontaminati.

Qualche giorno fa ci aveva accompagnato nella sala da pranzo a Fossacesia Marina, provincia di Chieti, presso il Trabocco Pesce Palombo, ieri sera invece ha raccontato una specialità tutta abruzzese molto amata non solo dai residenti.

Nelle sue stories lo vediamo prodigarsi alla griglia con la cottura degli arrosticini, detti anche rustell’, ovvero spiedini di carne di pecora tipici dell’Appennino ed in particolare della cucina abruzzese.

Nello specifico vediamo nella sua story spiedini di circa 20 cm di carne di ovino tagliata in piccoli cubetti di 1 cm per lato e adagiati su di una griglia specifica che ne consente il posizionamento distanziato.

Gianluca Ginoble cucina arrosticini cena famiglia foto
Gianluca alla griglia (screen Instagram)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Federica Pellegrini stupisce tutti. Non era mai successo: cosa fa?

Lui cerca di insegnare la giusta cottura a delle cuginette accorse in giardino per la cena di famiglia che si prospetta carica di tanto buon cibo e buonumore condiviso con le persone a lui più care.