Gran Bretagna: l’obesità è una malattia genetica

Gran Bretagna: l’obesità è una malattia genetica

L’obesità dovrebbe essere classificata come una malattia secondo alcuni ricercatori. Milioni di persone nel Regno Unito sono obese – circa un quarto degli adulti e un quinto dei bambini – e i ricercatori dicono che dovrebbero essere considerati gravemente malati.

Piuttosto che pigrizia e eccesso di cibo, le persone diventano pericolosamente grasse a causa delle “disuguaglianze di salute, influenze genetiche e fattori sociali”, sostiene il Royal College of Physicians. ‘organizzazione ha dichiarato di volere che l’obesità sia riconosciuta come una malattia cronica, in modo che le persone in sovrappeso possano ricevere cure. Il professor Andrew Goddard, presidente dell’RCP, afferma: “Non è una scelta di stile di vita causata dall’avidità individuale, ma una malattia causata da disuguaglianze di salute, influenze genetiche e fattori sociali”.

L’obesità è un problema in crescita nel Regno Unito e in tutto il mondo, con quasi la metà dei britannici e una persona su cinque in tutto il mondo si prevede di essere obeso entro il 2045. Una ricerca dello scorso anno ha anche rilevato che un quarto degli adulti non fa abbastanza esercizio fisico, con 1,4 miliardi di persone che conducono vite inattive. L’eccesso di grasso mette le persone a più alto rischio di sviluppare malattie cardiache, cancro e diabete di tipo 2, il che aumenta la possibilità di ictus e insufficienza renale.

Ma l’RCP sta spostando qualche colpa dalle persone, suggerendo che gli ambienti in cui crescono hanno una grande influenza sul loro peso. Il professor Goddard ha dichiarato: “Sono i governi, non gli individui, che possono avere un impatto sull’ambiente alimentare attraverso la regolamentazione e la tassazione e controllando la disponibilità e la convenienza. I governi possono anche promuovere l’attività fisica garantendo che le strutture siano disponibili per le comunità locali e attraverso la legislazione e le iniziative di salute pubblica”.

Sempre più persone stanno diventando obese perché i moderni stili di vita hanno una quantità crescente di alimenti trasformati ricchi di zuccheri e grassi, e le persone trascorrono più tempo seduti mentre viaggiano, al lavoro dietro le scrivanie e sui divani quando arrivano a casa. Il modo numero uno per combattere l’obesità è controllare l’apporto calorico (le donne dovrebbero consumare 2.000 al giorno e gli uomini in media 2.500) e mangiare meno cibi grassi o zuccherini. E le persone dovrebbero avere un minimo di 2,5 ore di esercizio fisico moderato ogni settimana.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post