I batteri del naso condizionano il raffreddore

I batteri del naso condizionano il raffreddore

I batteri che vivono all’interno del tuo naso potrebbero determinare il tipo e la gravità dei sintomi del raffreddore che sviluppi. I ricercatori affermano che le persone con più batteri nel naso che causano infezioni del tratto respiratorio inferiore, avvelenamento da cibo e foruncoli hanno anche maggiori probabilità di tossire e starnutire quando ricevono il comune raffreddore.

Prove passate hanno dimostrato che i batteri presenti nell’intestino possono influenzare le risposte immunitarie innate. Il team della Facoltà di Medicina dell’Università della Virginia afferma che i risultati ottenuti gettano nuova luce sul freddo comune inafferrabile e potrebbero aprire la strada a terapie individualizzate per il virus.

Per lo studio, il team ha esaminato il microbioma nasale di 152 partecipanti sia prima che dopo l’iniezione di rhinovirus di tipo 39, un comune virus del raffreddore. Questo per confermare che la raccolta di batteri non sarebbe stata molto alterata dopo essersi ammalati. Per analizzare il microbioma, i ricercatori hanno prelevato tamponi nasali e campioni di feci e li hanno valutati nei successivi cinque giorni.

Il team ha scoperto che i batteri nasali potevano cadere in uno dei sei pattern e la gravità dei sintomi dipendeva dal modello del volontario. Il modello era anche associato alla carica virale o alla quantità di rinovirus nel corpo.  I risultati hanno mostrato che i malati di freddo i cui nasi avevano una grande quantità di batteri Staphylococcus avevano sintomi nasali più gravi rispetto a quelli con meno stafilococco.

Questo batterio può causare bolle, intossicazione alimentare, impetigine e sindrome da shock tossico.   Inoltre, quelli con più Moraxella – che causa una riduzione delle infezioni del tratto respiratorio – hanno anche avuto sintomi peggiori e una maggiore carica virale. Queste differenze nei sintomi erano riscontrati nonostante il fatto che i raffreddori dei partecipanti fossero causati dallo stesso ceppo virale.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post