I rischi del bisfenolo e dei prodotti sostitutivi sulla salute umana

I rischi del bisfenolo e dei prodotti sostitutivi sulla salute umana

Le sostanze chimiche “sicure” utilizzate nella plastica per sostituire il BPA che disturba l’ormone possono portare gli stessi rischi. Nel 1999, la famosa scienziata Patricia Hunt scoprì accidentalmente che la maggior parte dei prodotti di plastica contengono una sostanza chimica che sconvolge gli ormoni.

Il bisfenolo A (BPA), che era usato nei giocattoli per bambini, nei dispositivi medici e negli imballaggi alimentari, poteva influire sul rischio di cancro, sulla fertilità e altro ancora, ha rilevato il team della Hunt’s Washington State University. In 15 anni, lo studio di Hunt aveva spinto gli Stati Uniti e i paesi di tutto il mondo a vietare il BPA, imponendo ai produttori di utilizzare alternative sicure, come BPS.

Ma oggi, rivela Hunt, ha subito “deja vu”: la sua ultima ricerca rivela che i prodotti chimici sostitutivi hanno inflitto lo stesso danno allo sperma e alle uova dei topi da laboratorio. Hunt dice che i consumatori preoccupati dovrebbero attenersi a una sola regola: non importa quali siano le sostanze chimiche sull’etichetta, “i prodotti di plastica che mostrano segni fisici di danni o invecchiamento non possono essere considerati sicuri”.

Hunt avverte che la nostra domanda di plastica dà alle aziende la spinta per scavalcare un sistema normativo lento e sorpassato. Le autorità di regolamentazione non riescono a tenere il passo con l’ingresso di nuove sostanze chimiche nel mercato, consentendo alle aziende di eliminare alternative mal provate come soluzione rapida per i nostri prodotti moderni.

“Le agenzie di regolamentazione incaricate di valutare la sicurezza chimica non possono tenere il passo con l’introduzione di nuove sostanze chimiche”, si legge su Current Biology. In questi giorni, ci sono decine di avvertimenti di salute pubblica contro BPA, esortando le persone a verificare che i loro prodotti contengano alternative sicure. Le aziende produttrici di bottiglie d’acqua sono pronte a reagire a qualsiasi storia anti-plastica che non usano il BPA in prodotti commercializzati al pubblico in generale.

I ricercatori hanno condotto ulteriori studi controllati per testare gli effetti di diversi bisfenoli sostitutivi, incluso un rimpiazzo comune noto come BPS. Tali studi confermano che i bisfenoli sostitutivi producono anormalità cromosomiche notevolmente simili a quelle viste tanti anni prima negli studi sul BPA. Hunt nota che l’iniziale esposizione involontaria dei loro animali era notevolmente simile a quella che potrebbe accadere nelle persone che usano la plastica in quanto l’esposizione era accidentale e altamente variabile.

I ricercatori hanno dimostrato che, se fosse possibile eliminare completamente i contaminanti del bisfenolo, gli effetti continuerebbero a persistere per circa tre generazioni. Hunt dice che è necessario più lavoro per determinare se alcuni bisfenoli sostitutivi potrebbero essere più sicuri di altri, osservando che ci sono dozzine di tali sostanze chimiche ora in uso.Sospetta inoltre che altre sostanze chimiche ampiamente utilizzate e che interferiscono con il sistema endocrino, inclusi parabeni e ftalati possano avere effetti avversi sulla fertilità altrettanto simili che meritano ulteriori studi.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post