I Semi virtuosi

I Semi virtuosi
LA PREPARAZIONE

I semi  vengono considerati di più nelle ricette etniche, i semi oleosi solitamente appartengono alla categoria di semi da snobbare. Una dottoressa Michela Padovani, biologa e nutrizionista, afferma che: i semi hanno un infinità di proprietà a noi sconosciute, in particolare sono integratori naturali, di  VITAMINE, PROTEINE, SALI MINERALI e FIBRE.

semi

Fondamentalmente i semi oleosi vengono utilizzati nell’alimentazione vegana e vegetariana, perché apportano le stesse sostanze  nutritive degli alimenti animali.

I più noti sono: I semi di sesamo, tra i vegetali apportano la fonte più alta di CALCIO. Cento grammi infatti contengono dagli 800 ai 1000 mg di calcio. Sono inoltre una ricca fonte di FOSFORO, di MAGNESIO e di FERRO.

I semi di lino invece, contengono gli OMEGA 3, OMEGA 6 e 9, gli acidi grassi utili per le nostre membrane cellulari, supportano il nostro sistema immunitario, contrastando i radicali liberi, di conseguenza abbassano lo stress ossidativo. Utili anche per la motivazione intestinale.

I semi di papavero, sono un rimedio contro lo stress e l’ansia, ricchi di CALCIO, rappresentano un valido aiuto per le ossa e i denti, infatti per gli intolleranti al latte e derivati sono dei degli efficaci alleati. Contengono anche i FITOSTEROLI vegetali, che servono a mantenere il colesterolo LDL sempre basso.

I semi di zucca,  sono ricchi di MINERALI (magnesio, zinco, e selenio), di VITAMINA E, ma sopratutto di CUCURBITINA, un aminoacido dalle proprietà curative e vermifughe.semi

Va però specificato che, i semi sono alimenti molto calorici (hanno circa 500/600 kcal per 100 g) e contengono dal 45 al 65 % di grassi. Si consiglia quindi di assumere non più di 20/30 g al giorno. Assolutamente da evitare quelli tostati o salati che troviamo nei bar, perché oltre ad essere pieni di sale sono parzialmente irranciditi. Controindicazioni: sono sconsigliati a persone affette da diverticolite, ed essendo alimenti molto calorici il loro utilizzo è sconsigliato a persone in sovrappeso o obese.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post