Il caffè allunga la vita… ma con cautela

Il caffè allunga la vita… ma con cautela

Il caffè potrebbe non aiutarti a dormire se lo bevi alla fine della giornata, ma le prove scientifiche indicano sempre più che ci aiuta a vivere più a lungo, proteggendo da malattie legate all’età come demenza, cancro e malattie cardiache. Il caffè e i suoi ingredienti principali, la caffeina e composti a base vegetale chiamati polifenoli, sono tra gli elementi più ricercati nella nostra dieta.

Secondo una recente ricerca il caffè aiuta ad avere una vita più lunga.

Il mese scorso, gli scienziati del National Cancer Institute e del National Institutes of Health negli Stati Uniti hanno rivelato i risultati di uno studio di dieci anni che ha coinvolto più di 10.000 persone. Questi hanno dimostrato che se si assumono più tazzine di caffè decaffeinato al giorno c’è la probabilità di morire prematuramente.

Una tazza al giorno riduceva il rischio di morire presto dell’otto per cento. Da due a cinque tazze hanno ridotto il rischio del 12%, mentre sei tazze hanno ridotto il rischio del 16%. Ciò che lo studio non ha identificato è stato l’ingrediente nel caffè che sembra avere questo effetto di miglioramento della vita.

Tuttavia, ha rivelato che gli effetti anti-invecchiamento potrebbero non essere legati alla caffeina, ma molto probabilmente sono dovuti ai polifenoli, sostanze chimiche che si trovano naturalmente nelle piante.

Innumerevoli studi hanno dimostrato che i polifenoli proteggono dall’infiammazione del corpo. Questo può causare, o essere innescato, da condizioni come il diabete di tipo 2, malattie cardiache e cancro.

Un altro studio invita alla cautela

L’anno scorso, gli scienziati della Stanford University, in California, hanno riferito che il caffè poteva ridurre l’infiammazione “interna” e proteggere dalle malattie legate all’età. Hanno monitorato 100 persone di età superiore ai 60 anni utilizzando indagini sanitarie annuali e regolari esami del sangue. I risultati, pubblicati su Nature Medicine, hanno mostrato che quelli che consumano più caffè hanno livelli più bassi di infiammazione che possono causare gravi malattie.

Ulteriori prove di abilità anti-invecchiamento del caffè provengono da un altro recente studio della Brigham Young University. I ricercatori hanno scoperto che i bevitori di caffè avevano telomeri più lunghi – le estremità protettive di ciascun cromosoma. Più i telomeri sono lunghi, meglio è protetto il nostro DNA da danni.

Ma mentre il caffè stesso sembrava avere un effetto protettivo, la caffeina no, suggerendo ancora che i polifenoli potrebbero essere il fattore significativo. Quindi questo dimostra che il caffè può aiutarti a vivere più a lungo? Beh, no, dice il professor Naveed Sattar, un esperto di metabolismo basato all’Istituto di Scienze Cardiovascolari e Mediche dell’Università di Glasgow. Egli sottolinea che anche l’ultimo studio su vasta scala condotto da autorevoli enti di ricerca statunitensi è solo di osservazione – il che significa che i ricercatori hanno visto un legame tra consumo di caffè e longevità, ma non hanno prodotto prove inconfutabili. “Potrebbe esserci qualcosa sul caffè che protegge dalla cattiva salute, ma non possiamo dire che sia definitivamente il caso,” ha concluso il professor Sattar.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post