Il Carciofo Depura E Disintossica Il Fegato

Il Carciofo Depura E Disintossica Il Fegato
LA PREPARAZIONE

La pianta del carciofo appartiene alla famiglia delle Asteraceae, è originaria del Nord Africa ed è oggi diffusa in tutta la fascia mediterranea in diverse varietà, ma non solo (ad esempio in California). Veniva utilizzata sin dall’antichità per le sue proprietà benefiche oltre che per il suo sapore dagli Egizi, dai Greci e dai Romani e la sua stagione va dall’autunno inoltrato alla fine della primavera.

CARCIOFO

Il carciofo è ricco soprattutto di potassio, contiene inoltre ferro, calcio, sodio, fosforo, magnesio, zinco, rame, manganese e selenio, le vitamine A, B1, B2 e C, l’acido malico e l’acido citrico, tannini e zuccheri, costituiti per lo più da insulina e quindi ideali anche per i diabetici. Oltre ad essere mangiato è possibile beneficiare delle proprietà benefiche del carciofo preparando una gustosa tisana.

Uno dei principi attivi principali è la cinarina, che oltre a dare quel caratteristico gusto amarognolo favorisce la salute del fegato, la diuresi e la secrezione biliare, ma a patto che l’ortaggio venga mangiato crudo, perché la cottura disattiva i principi attivi della cinarina. Mangiare carciofi consente di abbassare i livelli di colesterolo, prevenire malattie cardiovascolari e tumorali: tra le sostanze antiossidanti citiamo la silimarina, l’acido caffeico e l’acido ferulico.

Studi scientifici hanno dimostrato che il carciofo aiuta ad equilibrare i livelli di zucchero nel sangue, in questo modo questo prezioso ortaggio può essere considerato un valido aiuto nella lotta al diabete.

Grazie all’inulina, una sostanza che favorisce la crescita dei bifidobatteri (i batteri buoni della flora intestinale) il carciofo regolarizza anche la funzione intestinale. La buona quantità di potassio contenuta nel carciofo lo rende inoltre un efficace diuretico utile a combattere la formazione di calcoli renali e biliari. E ancora: grazie al contenuto di mucillagini e fibre può essere consigliato a chi soffre di stitichezza per il suo buon potere lassativo.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post