Il cibo bruciacchiato può causare il cancro?

Il cibo bruciacchiato può causare il cancro?

Si racconta che il cibo bruciacchiato potrebbe causare il cancro e dovrebbe essere evitato. Ma cosa dice la scienza in proposito?

Testando alcuni cibi in un laboratorio, hanno scoperto che alcuni alimenti contengono alti livelli di acrilammide, formati quando gli alimenti amidacei vengono cotti per lunghi periodi ad alta temperatura. Ma per avere qualche effetto preoccupante – in linea con gli studi sugli animali sui topi – dovresti mangiare ad esempio 160 fette di pane tostato bruciato al giorno, secondo quanto riportato dalla BBC.

L’acrilammide è attualmente definito dall’Organizzazione mondiale della sanità come “probabilmente cancerogeno per l’uomo”. Ciò significa che, mentre non è stata trovata alcuna prova definitiva che l’acrilammide sia cancerogena, dovremmo limitare l’assunzione per precauzione. Gli studi sulla sostanza chimica sono stati condotti solo sui topi.

I risultati in laboratorio dicono che che i livelli di acrilammide aumentano drasticamente quanto più cibo viene cotto, in particolare nei cibi amidacei come pane e patate. Solitamente capita di mangiare una fetta di pane tostato bruciato. Ma per arrivare a una dose che potrebbe essere pericolosa per i topi si dovrebbero ingerire 160 fette di pane tostato. Un numero incredibilmente alto. Sono molto più rischiosi alcuni comportamenti come bere, fumare e non fare attività fisica. Oppure non mangiare frutta e verdure.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post