Il sale non fa così male come dicono

Il sale non fa così male come dicono

Per la maggior parte delle persone la quantità di sale che mangiano non è dannosa. Secondo un nuovo studio della McMaster University in Ontario due cucchiaini e mezzo (cinque grammi) di sale non è dannoso per la salute. E coloro che mangiano troppo, possono bilanciare i rischi per la salute mangiando molta frutta, verdura e altri cibi ricchi di potassio.

Gli autori suggeriscono che le campagne di sanità pubblica che invitano le persone a ridurre il loro apporto di sodio potrebbero essere necessarie in paesi come la Cina che mangiano cibi più salati, ma potrebbero non essere necessari nella maggior parte dell’Europa e del Nord America. “Non ci sono prove convincenti che le persone con assunzione di sodio moderata o media debbano ridurre il loro apporto di sodio per la prevenzione delle malattie cardiache e dell’ictus”, ha detto l’autore principale Martin O’Donnell, professore associato di medicina.

Lo studio del Population Health Research Institute (PHRI) della McMaster University in Ontario ha seguito 94.378 persone, di età compresa tra i 35 ei 70 anni, per una media di otto anni in 18 paesi. Ha rilevato che vi era un rischio associato di malattie cardiovascolari e ictus solo quando l’assunzione media è superiore a cinque grammi di sodio al giorno. Coloro che hanno consumato più di 7 g al giorno hanno avuto un aumentato rischio di eventi cardiovascolari e di mortalità nelle persone con pressione alta. E il basso contenuto di sodio inferiore a 3 g al giorno era associato ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari e di mortalità nelle persone con o senza ipertensione.

Ma ci sono buone notizie anche per coloro che mangiano grandi quantità di sale poiché qualsiasi rischio per la salute di assunzione di sodio è praticamente eliminato se migliorano la loro qualità di dieta aggiungendo frutta, verdura, latticini, patate e altri cibi ricchi di potassio.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post