Inghilterra, aumentano i giovani astemi

Inghilterra, aumentano i giovani astemi

I giovani stanno sempre più emarginando l’alcol, con quasi uno su tre che non tocca neppure una goccia. I ricercatori hanno scoperto che i giovani in Inghilterra non solo bevono meno alcol, ma molti altri non bevono affatto. La tendenza è così diffusa che essere astemio sta guadagnando una maggiore accettazione sociale nella misura in cui sta diventando “mainstream”, secondo i ricercatori dell’università di Londra .

Il team dell’UCL ha esaminato i dati su 9.699 persone di età compresa tra 16 e 24 raccolte nell’ambito dell’Indagine sulla salute per l’Inghilterra 2005-2015, un’indagine annuale rappresentativa a livello nazionale che esamina i cambiamenti nella salute e negli stili di vita delle persone in tutta l’Inghilterra. Hanno analizzato la percentuale di non bevitori tra sottogruppi sociali demografici e di salute, insieme alle unità alcoliche consumate da coloro che hanno bevuto.

L’analisi delle cifre ha rilevato che la percentuale di ragazzi tra i 16 e i 24 anni che non bevono alcolici è aumentata dal 18% nel 2005, al 29% nel 2015. Ci sono state anche diminuzioni “significative” nel numero di giovani che hanno bevuto oltre i limiti raccomandati – dal 43% al 28% – e binge drink ridotti dal 27% al 18%. Sempre più giovani sono stati coinvolti nell’astinenza settimanale – passando dal 35% al ​​50%, secondo i risultati pubblicati su BMC Public Health.

La dott.ssa Linda Ng Fat, autrice dello studio, ha dichiarato: “Gli aumenti del non bere tra i giovani sono stati riscontrati in un’ampia gamma di gruppi, compresi quelli che vivono nelle regioni settentrionali o meridionali dell’Inghilterra, tra la popolazione bianca, quelli a tempo pieno, in occupazione e attraverso tutte le classi sociali e gruppi più sani. Il fatto che l’aumento del non bere sia stato riscontrato in molti gruppi diversi suggerisce che il non-bere potrebbe diventare più diffuso tra i giovani, il che potrebbe essere causato da fattori culturali”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post