Insonnia: prima di andare a letto prova a mangiare questi cibi

Insonnia: prima di andare a letto prova a mangiare questi cibi

LA PREPARAZIONE
di Marco

Come combattere l’insonnia a tavola: quali sono gli alimenti da evitare e quali quelli da favorire per combattere questo disturbo

Insonnia: come combatterla
Se vuoi combattere l’insonnia prova a mangiare questi alimenti

Cosa bisogna fare per evitare l’insonnia? Insomma, a nessuno piace stare nel letto a pensare e magari a rimuginare su ciò che succede nella propria vita. La notte è fatta per dormire, oppure, in estrema analisi, per fare baldoria con amici, amiche oppure il proprio partner. Molte persone, invece, di notte restano sveglie nel proprio letto per problemi legati all’insonnia. A questo punto, la domanda sorge spontanea: esistono dei cibi che ci possano tenere lontani dall’insonnia? Innanzitutto, è bene sapere che una corretta alimentazione è importante per il nostro organismo. Ebbene, non tutti sanno che anche gli alimenti influiscono sulla qualità del sonno, ed è anche per questo che molte persone soffrono di insonnia. Per evitare questo disturbo molto comune, dobbiamo prestare attenzione ai grassi saturi e alle calorie che ingeriamo prima di andare a letto. Vediamo insieme i 5 alimenti da evitare assolutamente e quali, invece,  da favorire.

Insonnia: quali cibi evitare e quali favorire

  • In primis dobbiamo evitare il cioccolato, il caffè, il tè e l’alcol, perché vanno a stimolare il nostro sistema nervoso centrale e periferico. La conseguenza all’assunzione di questi alimenti è un eccessiva eccitazione, che va ad alterare la qualità del nostro sonno.
  • Carne rossa. Questo tipo di carne contiene la tirosina, ovvero un amminoacido che stimola la nostra mente e disturba il corso del nostro sonno, quindi sarebbe meglio eliminare totalmente l’assunzione di carne rossa a cena. (Più consigliata, invece, la carne bianca)
  • Frutta secca. Le mandorle, noci, nocciole e pistacchi sono in grado di accelerare il nostro metabolismo e moderare il colesterolo nel sangue, essendo ricchi di grassi insaturi e vegetali. Ma per evitare effetti stimolanti si consiglia una moderata quantità di frutta secca a cena.
  • Liquirizia. Sappiamo da sempre che la liquirizia ha benefici terapeutici, soprattutto per regolare la pressione sanguigna. Proprio per questo non va assunta di sera. Quest’ultima aumenta la frequenza cardiaca stimolando uno stato maggiore di attività fisica e mentale.
  • Alimenti lievitati. Gli alimenti lievitati da evitare di sera sono in particolare pane e pizza. Il lievito che è contenuto al loro interno può procurare danni alla flora batterica creando scompensi al corso della digestione, disturbando così la qualità del sonno. Ma se proprio non potete fare a meno di mangiare una pizza, scegliete sempre una con semplici condimenti.
  • La pasta a cena si può mangiare?! Da sempre crediamo che pasta e riso facciano ingrassare, ma questa nostra “teoria” non è scientificamente provata (ovviamente se non si esagera con i condimenti). Diversamente da come crediamo i carboidrati sono consigliati per chi soffre di ansia e insonnia, poiché contengono la molecola del buonumore e alte quantità di serotonina.
  • L’avena: un cereale per dormire bene. L’avena comune è un cereale ricco di proteine e acidi grassi essenziali. Ha molti benefici, tra cui quello di riuscire a “bloccare” la fame nervosa. Inoltre ha la capacità di rilassare i nervi ed è indicato anche per trattare la stipsi. È possibile trovare questo prodotto in sotto forma di chicchi, fiocchi ed anche farina.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post