Integratori a base di curcuma: attenzione agli effetti collaterali

Integratori a base di curcuma: attenzione agli effetti collaterali

Una donna anziana di 71 anni originaria dell’Arizona ha sviluppato un’epatite dopo aver assunto gli integratori di curcuma per otto mesi. I medici erano sconcertati su ciò che stava causando il danno epatico della donna fino a quando lei ha ammesso di assumere supplementi di curcuma, dopo aver letto che la spezia indiana riduce il rischio di ictus.

La donna ha smesso solo di assumere gli integratori dopo che la sua ricerca su internet ha rivelato che la spezia gialla brillante può causare danni al fegato. Poco più di un anno dopo, la sua funzione epatica è tornata alla normalità senza che lei avesse alcun trattamento.

Quasi il 20 per cento degli adulti negli Stati Uniti e circa il 30 per cento nel Regno Unito assumono integratori alimentari, secondo i dati. La curcuma è tra le più popolari, con un terzo dei pazienti affetti da artrite reumatoide che prendono la spezia per le sue proprietà antinfiammatorie. Dopo essere stati indirizzati a un gastorenterologo, i test hanno rivelato che la donna era affetta da epatite autoimmune.

La condizione, che colpisce ogni anno fino a 18 persone ogni 100.000 persone negli Stati Uniti e nel Regno Unito, si verifica quando il sistema immunitario di una persona attacca per errore il fegato, causando infiammazione. I medici, dell’Università di Arizona, Tuscon, inizialmente sospettavano che il suo improvviso danno epatico fosse dovuto agli altri 20 farmaci e integratori che prendeva ogni giorno, per problemi della tiroide e della sindrome dell’intestino irritabile all’artrite.

Eppure, dopo aver esaminato le sue cartelle cliniche, hanno scoperto che le sue dosi di farmaco non erano cambiate fino a due anni. Dopo aver eseguito più test senza una risposta chiara, i livelli di enzimi epatici della donna hanno iniziato a ridursi improvvisamente circa tre mesi dopo essere stata indirizzata allo specialista. Ha ammesso di aver smesso di assumere integratori di curcuma quattro settimane prima. Tredici mesi dopo, i suoi livelli di enzimi epatici erano normali.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post