Integratori vitaminici: servono davvero contro l’influenza?

Integratori vitaminici: servono davvero contro l’influenza?

L’inverno è alle porte con la sua scia di raffreddori e influenza. Sono in molti a fare affidamento agli integratori vitaminici per tentare di alzare le difese immunitarie, ma funzionano davvero?

Secondo l’NHS, la maggior parte delle persone non ha bisogno di assumere integratori e sono in grado di ottenere tutte le vitamine e i minerali di cui hanno bisogno mangiando correttamente. La ricerca pubblicata nel British Medical Journal nel 2013 ha concluso che la vitamina C giornaliera non ha avuto effetti sull’incidenza del raffreddore nella popolazione ordinaria.

Alcuni supplementi sono utili per alcuni gruppi di persone che sono a rischio di carenza vitaminica, afferma il Department of Health. Alcuni gruppi di popolazione sono a maggior rischio di non assumere abbastanza vitamina D per prendere in considerazione integratori giornalieri. La vitamina è essenziale per le ossa sane, ma bassi livelli sono stati anche collegati a una serie di condizioni, dalle malattie cardiache al cancro. Coloro che possono beneficiare degli integratori includono neonati e bambini dalla nascita ai quattro anni o adulti non esposti al sole.

Ma ci sono anche studi che mostrano che alcuni supplementi di vitamine e minerali sono uno spreco di denaro e che in alcuni casi possono effettivamente danneggiare il corpo. Uno studio dell’Università di Toronto ha concluso che la vitamina B3 e gli antiossidanti – le vitamine A, C ed E – erano associati ad un aumentato rischio di tutte le cause di morte. A questo punto la scelta sta a voi…

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post