Jennifer Lopez, pranzo privato da Gennaro Esposito a Capri: cosa ha mangiato la cantante, menù incredibile

Durante il suo soggiorno lavorativo a Capri, Jennifer Lopez si è fatta coccolare da un pranzo privato preparato da chef Gennaro Esposito. Ecco che cosa ha mangiato. 

Gennaro Esposito pranzo privato Jennifer Lopez
Gennaro Esposito (Instagram)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Sabato 30 luglio Jennifer Lopez ha illuminato Capri con la sua presenza mondiale al gala di beneficienza organizzato da LuisaViaRoma e Unicef Italia per la raccolta fondi da destinare alle persone ucraine e siriane.

Cantante, modella, ballerina, attrice ma anche imprenditrice di successo e da poche settimana anche moglie di Benn Affleck, Jennifer Lopez è tra le superstar mondiali capace di smuovere mari e monti pur di soddisfare una sua voglia o curiosità, compresa quella culinaria.

E come darle torto visto che ai suoi piedi a Capri aveva un’intera città pronta a servirle sul piatto d’argento tutto quello che desiderava?

L’arrivo venerdì pomeriggio, un breve tour dell’Isola e poi subito la celebrità ha scelto di cenare presso il ristorante Villa Verde ricevendo una calorosa accoglienza da parte dello staff con cui ha cantato That’s Amore di Dean Martin come omaggio all’artista.

Il suo tour culinario però non si è fermato qui. Dopo la sfilata JLo ha scelto di visitare anche il locale dello chef Gennaro Esposito, due stelle Michelin ottenute con il suo locale La Torre del Saracino, a Marina d’Aequa di Vico Equense.

Il cuoco, volto amatissimo, ieri ha pubblicato uno scatto proprio con la diva e ha spiegato com’è andata la cena svolta presso il suo ristorante, una vera sorpresa anche per lui.

Gennaro Esposito, lo chef scelto da JLo

Stavolta però non sono stati pubblicati comunicati stampa o altre notizie flash, ma piuttosto è stato lo stesso chef Esposito a rivelare, compiaciuto, tramite post Instagram la gradita sorpresa. Non ha saputo trattenersi dal chiedere a JLo una foto ricordo per poi pubblicarla sui propri profili social con un successo a dir poco incredibile da parte dei suoi fan.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Stamattina piacevole pranzo privato per Jennifer Lopez” – si legge nella didascalia del post in questione. “Una donna esplosiva, una professionista piena di energia, che ammiro tantissimo soprattutto perché tra le tante qualità, sa apprezzare anche la buona cucina!”.

“Dopo il suo meraviglioso show che ha lasciato tutti senza parole, non potevo che coccolarla con quello che so fare meglio… al resto ci ha pensato la nostra incantevole isola di Capri”.

Intervistato da Repubblica subito dopo ha svelato il menù realizzato per lei.

Le abbiamo proposto un menu molto estivo, assecondando il suo appassionato amore per le verdure. Tra gli antipasti, melanzane a funghetto, fagiolini alla pizzaiola, peperoncini verdi saltati in padella, broccoletti calabresi con peperoncino.

Prosegue poi nell’elenco:

Ha voluto un’insalata semplice, impreziosita dai pomodori della Costiera. Per primo ho preparato a lei e ai suoi ospiti un risotto con pomodoro cuore di bue, limone candito e calamaretti ripieni di provola affumicata. E poi tanta frutta, naturalmente di stagione.

Gli chiedono alla fine se si è emozionato, ed Esposito commosso conferma tutto. Dica la verità: si è emozionato? “Ho provato a coccolarla con quel che so fare meglio, cucinare. Servire un personaggio così importante ti gratifica“.

Grande amico del conterraneo Antonino Cannavacciuolo, Gennaro Esposito è uno degli chef più apprezzati della Campania ma non solo visto che la sua fama lo precede anche al Nord.

È stato allievo di Gianfranco Vissani e di Alain Ducasse che lo hanno indirizzato molto anche verso la cucina francese. Decide di aprire nel 1991 la sua La Torre del Saracino a Seiano, una piccola frazione di Vico Equense.

Qui riceve la prima stella Michelin nel 2001, e nel 2008 la seconda. Nel 2011 vince il titolo di “Migliore Chef italiano dell’anno” per Identità Golose.

Il ruolo di giudice nel programma “MasterChef Italia Junior” insieme ai colleghi Bruno Barbieri e Alessandro Borghese gli dà però ancora maggiore fama nazionale.