La dieta del dottor Oz: dimagrire in 5 giorni

La dieta del dottor Oz: dimagrire in 5 giorni

Se le diete prolungate non fanno al caso vostro, ma avete necessità di perdere qualche chilo di troppo, la dieta del dottor Oz fa al caso vostro. Chiederà 5 giorni di sacrificio al mese, ammesso che negli altri giorni non esagererete, altrimenti tutto diventa inutile.

Il dottor Oz è un ormai noto medico americano che conduce un famoso programma televisivo. La sua dieta dei 5 giorni consentirà non solo di dimagrire qualche chilo, ma permetterà all’organismo di eliminare tossine e accumulare energia.

Durante questi 5 giorni si consumano solo 1000 calorie al giorno. Sarà necessario dare spazio ad alimenti vegetali ricchi di grassi, come la frutta secca, le olive e l’avocado. Il segreto della dieta del dottor Oz consiste nell’”ingannare” il cervello con grassi vegetali, così da sentirsi presto sazi e per un periodo di tempo abbastanza prolungato. Dopo 5 giorni si otterranno grandi benefici e si potrà ricominciare a mangiare normalmente, ma senza esagerare.

Altri consigli utili del medico americano sono l’eliminazione dei cibi bianchi, a eccezione dello yogurt e del latte. Niente zucchero, farina, riso. Svolgete attività fisica, anche il ballo può rivelarsi assai utile, permettendovi di bruciare calorie divertendovi. Non dimenticate di camminare almeno 30 minuti al giorno. Inoltre sulla vostra tavola non dovranno mai mancare frutta e verdura di stagione.

Vediamo insieme un esempio di menù che va seguito per 5 giorni:

COLAZIONE: Un frullato preparato con 225 gr di spinaci, 70 gr di uva, un cucchiaino di succo di limone, una banana e 250 ml di acqua

PRANZO: Una porzione di funghi saltati in padella preparati con 50 gr di funghi, mezza cipolla e un peperone condito con olio extravergine d’oliva; un’uovo strapazzato e mezzo avocado

SPUNTINO 30 pistacchi o un’insalata mista con 6 olive condita con olio extravergine d’oliva

CENA: Una porzione di piatto mediterraneo preparato con 180 gr di olive, 120 gr di peperoni e 80 gr di hummus

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post