La dieta giapponese contro il cancro alla prostata

La dieta giapponese contro il cancro alla prostata

di Ivana Tramontano

Dieta delle 8 ore: Perdi 3 Kg in 2 Giorni

La dieta giapponese si sta facendo sempre più strada e rischia di fare concorrenza a quella mediterranea. Di cosa si tratta esattamente?

Entrambe le diete promettono un aspettativa di vita più alta, riducendo il rischio di malattie come diabete, infarti e alcune forme di cancro. Ma se la dieta mediterranea prevede un’aspettativa di vita di 79 anni, quella del Sil Levante arriva fino a 85 anni. Entrambe le diete hanno tassi di riduzione di rischio di determinate malattie: per l’ictus è del 25% per la dieta mediterranea e del 22% per quella giapponese; per i tumori è del 35% per la mediterranea e del 27% per la giapponese, per il Morbo di Parkinson è del 46% per la mediterranea e del 50% per quella giapponese.

La cucina giapponese non prevede solo sushi, ma anche zuppe di miso, soia e molti prodotti vegetali. Akihiko Uchikawa, Vice Capo Missione dell’Ambasciata del Giappone in Italia, ha dichiarato: “La peculiarità della nostra alimentazione è parte della nostra identità culturale. Auspichiamo dunque che la cucina giapponese, buona, salutare e sicura, possa aggiungere varietà alle raffinate cucine mediterranea e italiana, suscitando un maggior interesse anche per altri aspetti della cultura giapponese”.

«La dieta giapponese riduce anche il rischio di tumore alla prostata. A dirlo è uno studio pubblicato dai ricercatori del Children’s Hospital Medical Center di Cincinnati sulla rivista scientifica Biology and Reproduction. La presenza di fibre, acidi grassi mono e poli-insaturi, sali minerali e un’elevata quantità di sostanze antiossidanti forniscono all’organismo una protezione contro i processi infiammatori e contro l’invecchiamento cellulare.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post