La dieta mediterranea aiuta i pazienti con trapianto di rene

La dieta mediterranea aiuta i pazienti con trapianto di rene

di Ivana Tramontano

Seguire una dieta mediterranea potrebbe aiutare a preservare la funzione renale in migliaia di pazienti che hanno già avuto trapianti.

Le cifre suggeriscono che circa un terzo dei pazienti che ricevono un rene da donatore perde la funzione entro un decennio dall’operazione che cambia la vita. Ma gli scienziati hanno scoperto che seguire una dieta a base di pesce e noci, che riduce la carne rossa, potrebbe aiutare a mantenere l’organo più sano più a lungo.

Gli accademici dell’Università di Groningen nei Paesi Bassi hanno seguito in media 632 pazienti con trapianto di rene per cinque anni. Un quinto di loro – 119 – ha visto diminuire la funzione renale durante lo studio. Settantasei di quei volontari hanno sviluppato insufficienza renale. La dieta mediterranea pone l’accento sul consumo di più frutta, verdura, legumi, noci, pesce e cereali integrali. Limita la quantità di grassi saturi, zucchero e carne rossa.

I partecipanti la cui dieta era mediterranea avevano un rischio inferiore del 29% di declino della funzione renale, rispetto ai volontari che consumavano solo alcuni degli alimenti. Avevano anche un rischio inferiore del 32% di insufficienza renale, secondo i risultati pubblicati sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology. Il dott. António Gomes-Neto ha dichiarato: ‘L’aumento delle prove scientifiche ha dimostrato i benefici per la salute della dieta mediterranea sulla salute cardiovascolare e renale. Mostriamo che i pazienti sottoposti a trapianto di rene con maggiore aderenza alla dieta mediterranea hanno meno probabilità di sperimentare la perdita di funzionalità del trapianto di rene”.

Non è la prima volta che gli scienziati scoprono che la dieta mediterranea può giovare ai reni: gli esperti della Columbia University hanno fatto la stessa scoperta nel 2013. Hanno suggerito che il contenuto inferiore di proteine ​​animali previsto  nella dieta mette meno stress ai reni e riduce il carico di acido sul corpo. La dieta è anche più ricca di fibre e antiossidanti, che ha dimostrato di ridurre l’infiammazione che si ritiene abbia un ruolo nella malattia renale.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post